Le squadre che partecipano a Russia 2018: alla scoperta della Francia

squadre Mondiale Russia 2018 Francia

La presentazione della Nazionale Francese in vista del Mondiale: il cammino della squadra, la rosa, il calendario, le statistiche e le possibilità di qualificazione

Prosegue il nostro lungo viaggio che ci porterà ad analizzare ogni Nazionale partecipante al Mondiale di Russia in programma dal 14 giugno al 15 luglio. Oggi andiamo alla scoperta dei segreti e delle qualità della rappresentativa francese.

  1. Il cammino della Nazionale
  2. La rosa con i suoi Top-Player
  3. Il calendario degli incontri
  4. Curiosità e statistiche
  5. Dove può arrivare
  6. I convocati

Il cammino della Nazionale

La Francia si è qualificata dopo aver conquistato il primo posto con 23 punti  (frutto di 7 vittorie, 2 pareggi ed 1 sola sconfitta) nel Girone A, lasciandosi alle spalle, a quattro lunghezze, Svezia e Olanda. Del gruppo facevano parte anche Bulgaria, Lussemburgo e Bielorussia. Nelle amichevoli di preparazione al Mondiale, lo scorso novembre, la formazione transalpina ha battuto 2-0 il Galles e ha pareggiato 2-2 il test di lusso contro la Germania Campione del Mondo.  A marzo è stata battuta a sorpresa dalla Colombia per 3-2, dopo essere stata in vantaggio 2-0 ma si è subito rifatta andando a vincere 1-3 in casa della Russia.

La rosa con i suoi Top-Player

Didier Deschamps ha comunicato la lista dei convocati per la spedizione in Russia. In essa non figura il nome di Dimitri Payet, centrocampista del Marsiglia che, dopo l’infortunio che lo ha costretto a uscire dal campo nel corso della finale di Europa League contro l’Atletico Madrid, non è in buone condizioni fisiche. Esclusi a sorpresa, per scelta tecnica, invece, tre attaccanti di lusso: Martial, Benzema e Lacazette.

Portieri: Hugo Lloris (Tottenham), Steve Mandanda (Olympique Marsiglia), Alphonse Areola (PSG)

Difensori: Djibril Sidibé (Monaco), Benjamin Pavard (Stoccarda), Samuel Umtiti (FC Barcellona), Raphaël Varane (Real Madrid), Presnel Kimpembe (PSG), Adil Rami (OM), Benjamin Mendy (ManCity), Lucas Hernandez (Atlético Madrid)

Centrocampisti: Paul Pogba (Man United), Corentin Tolisso (Bayern Monaco), Blaise Matuidi (Juventus), Ngolo Kanté (Chelsea), Steven Nzonzi (Siviglia)

Attaccanti: Antoine Griezmann (Atlético Madrid), Olivier Giroud (Chelsea), Kylian Mbappé (PSG), Ousmane Dembélé (FC Barcelona), Florian Thauvin (Olympique Marsiglia), Nabil Fekir (Lione), Thomas Lemar (Monaco)

L’unico giocatore del campionato italiano chiamato da Deschamps è lo juventino Blaise Matuidi ma nella lista figurano anche l’ex bianconero Pogba, oggi in forza al Manchester United e l’ex milanista Rami del Marsiglia.

Tra gli elementi più rappresentativi, oltre a Pogba, di cui abbiamo detto, ci sono il difensore centrale madridista Varane, , il centrale blaugrana Umtiti e i terzini Mendy del  Manchester City e Sidibe del Monaco e il centrocampista del Bayern Monaco Tolisso. Ma è soprattutto il reparto offensivo che presenta i maggiori talenti: da Griezmann dell’Atletico di Madrid, fresco vincitore dell’Europa League e autore di una doppietta nella finale contro il Marsiglia, a Giroud del Chelsea passando per il diciannovenne Mbappè del Paris Saint Germain, uno dei giovani più promettenti. Senza dimenticare Dembele del Barcellona e Lemar del Monaco.

Il calendario degli incontri

La compagine francese è stata inserita nel Gruppo C insieme a Australia, Danimarca e Perù. Esordirà il 16 giugno alle ore 12  a Kazan contro l’Australia. Sfiderà poi il Perù allo stadio di Ekaterinburg il 21 giugno alle ore 17 e la Danimarca il 26 giugno alle ore 16 a Mosac.

Curiosità e statistiche

La Francia vanta nel suo palmares la conquista della Coppa del Mondo nel 1998, due Europei (1984 e 2000) e due Confederations Cup (2001 e 2003). Tra gli altri piazzamenti di rilievo figurano un secondo posto a Germania 2006, due terzi posti a Svezia 1958 e Messico 1986 e un quarto posto a Spagna 1982, mentre agli europei conta un secondo posto a Francia 2016 e ha raggiunto le semifinali a Francia 1960 e Inghilterra 1996. É una delle due nazionali europee, insieme a quella tedesca, ad avere vinto almeno una volta le tre maggiori competizioni internazionali (Europeo, Mondiale e Confederations Cup).

Nella classifica mondiale della FIFA, istituita nell’agosto del 1993, la Francia è stata prima dal maggio 2001 al maggio 2002. Attualmente occupa la settima posizione.

É alla sua sedicesima partecipazione al Mondiale.

Dove può arrivare

Dopo una doppia eliminazione ai quarti di finale nei Mondiali del 2010 e del 2014 e un secondo posto rimediato in casa all’Europeo del 1996, la nazionale francese si presenta in Russia con grandi ambizione e con un unico obiettivo: quello di arrivare in finale e vincere. E, considerato il potenziale tecnico-atletico della squadra, ha tutte le carte in regola per centrarlo.