Squalificati in Serie C 2021/2022 dopo la 37° giornata: ecco quali

35

Cinque giornate di squalifica per Alberti del Legnago Salus, tre per Cesarini del Piacenza e due per Pacilli del Taranto

FIRENZE – Il Giudice Sportivo Dott. Stefano Palazzi, assistito da Irene Papi e dal Rappresentante dell’A.I.A. Sig. Silvano Torrini, nella seduta del 19 Aprile 2022 ha adottato le deliberazioni che di seguito integralmente si riportano.

SOCIETA’

€ 2000 PADOVA Il giudice sportivo, letta relazione redatta dai componenti della Procura Federale, relativa alla gara SUDTIROL/PADOVA, osserva quanto segue. In disparte la qualificazione dei cori intonati dai sostenitori del Padova, presenti in trasferta al seguito della loro Squadra, nei confronti del calciatore del SUDTIROL Jeremie BROH, dalla relazione sopra richiamata emerge che i cori in questione non sono stati percepiti da tutti e tre i componenti della Procura presenti nello stadio. Inoltre, sempre dalla relazione summenzionata, risulta che neppure i Dirigenti della Società ospitante hanno ascoltato i cori in esame. Ne discende che, nel caso di specie, fa difetto il requisito della “percezione reale del fenomeno” richiesto dall’art. 28 CGS per la sussumibilità dei cori nella previsione normativa medesima e per l’irrogazione delle conseguenti sanzioni ivi previste. Tuttavia, i cori in questione, intonati dai tifosi del Padova presenti nella tribuna Canazza, settori 4B e 6, fra il 19° ed il 20°minuto del primo tempo, meritano di essere sanzionati ai sensi dell’art. 25, comma 3, CGS, in quanto cori offensivi nei confronti del calciatore destinatario degli stessi.

Del pari, meritano di essere sanzionati i cori intonati dagli stessi sostenitori del PADOVA, presenti nel settore sopra indicato, al 69°minuto circa della gara, nei confronti dei sostenitori della Squadra avversaria, in quanto comportano offesa, denigrazione o insulto per motivi di origine territoriale. La misura della sanzione viene determinata in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 25, comma 3, C.G.S., valutate le modalità complessive dei fatti e considerato, da una parte, che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta e, dall’altra, la gravità dei cori intonati dai suoi sostenitori (r.proc. fed.).

€ 2000 POTENZA per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi da alcuni dei suoi sostenitori presenti nel settore distinti, consistiti nell’aver attinto con svariati sputi l’Assistente Arbitrale n. 2, dalla fine del primo tempo e durante tutto il secondo tempo. Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13, comma 2, 25 e 26 C.G.S (r.a.a., r. proc. fed.).

€ 1500 TARANTO per fatti per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori, presenti in curva nord, integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti:
1) nell’aver fatto esplodere tre petardi di media potenza nel proprio settore senza causare conseguenze, due prima dell’inizio della gara ed uno al 28°minuto del secondo tempo;
2) nell’aver lanciato, al termine della gara, tre bottigliette, in plastica semipiene di acqua, nel recinto di gioco verso i calciatori del Bari, sfiorando un atleta, ma senza alcuna conseguenza.
Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13, comma 2, 25 e 26 C.G.S, valutate le modalità complessive dei fatti e considerato che non si sono verificate conseguenze dannose (r. proc. fed, r. c.c.).

€ 800 CATANZARO per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori, presenti nel settore curva ovest Massimo Capraro, integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’aver lanciato, al 67°minuto, un petardo nell’area circostante il rettangolo di gioco, senza alcuna conseguenza. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13 comma 2, 25 e 26 C.G.S, considerato che non si sono verificate conseguenze dannose (r. proc. fed, r. c.c.).

€ 800 TRENTO per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori presenti nel settore curva sud, integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’aver lanciato, al 32°minuto del secondo tempo, all’interno del recinto di gioco quattro bicchieri contenenti sostanza liquida senza colpire alcuno. Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13 comma 2, 25 e 26 C.G.S, considerato che non si sono verificate conseguenze dannose (r. proc. fed).

€ 500 LECCO per avere i suoi sostenitori presenti nella curva nord intonato cori oltraggiosi:
1 – al 15° minuto del primo tempo, per due volte nei confronti delle Forze dell’Ordine;
2 – al 31°minuto del primo tempo, per due volte, nei confronti di Istituzioni Calcistiche.
Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 25, comma 3, C.G.S. (r.proc. fed.).

€ 300 ALBINOLEFFE per avere i suoi sostenitori, nel numero di dodici circa, presenti nel settore loro destinato, intonato un coro oltraggioso nei confronti dell’arbitro, al 28°minuto del primo tempo, ripetendolo più volte. Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 25, comma 3, C.G.S., considerato che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta (r.c.c.).

€ 200 PRO SESTO per avere i suoi sostenitori, presenti nel settore loro destinato, intonato cori oltraggiosi nei confronti di un calciatore della Squadra avversaria, al 36°minuto, per due volte. Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 25, comma 3, C.G.S., considerato che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta (r.proc. fed.).

DIRIGENTI NON ESPULSI

AMMENDA € 500

  • SEEBER WERNER (TRENTO) per avere tenuto un comportamento non corretto, mentre si trovava, al termine della gara, nel piazzale adiacente l’ingresso degli spogliatoi, quando le squadre e la quaterna arbitrale erano rientrate all’interno di essi, ponendo in essere una discussione animata con un dirigente della Squadra avversaria, terminata a seguito dell’intervento dei Tesserati di entrambe le Società. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 4 e 13, comma 2, C.G.S, valutate le modalità complessive della condotta. (r.proc. fed.).
  • MANNA GIOVANNI (JUVENTUS U23) per avere tenuto un comportamento non corretto, mentre si trovava, al termine della gara, nel piazzale adiacente l’ingresso degli spogliatoi, quando le squadre e la quaterna arbitrale erano rientrate all’interno di essi, ponendo in essere una discussione animata con un dirigente della Squadra avversaria, terminata a seguito dell’intervento dei Tesserati di entrambe le Società. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 4 e 13, comma 2, C.G.S, valutate le modalità complessive della condotta. (r.proc. fed.).

ALLENATORI ESPULSI

SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE

  • SCAZZOLA CRISTIANO (PIACENZA) per avere, al 26°minuto del secondo tempo, tenuto una condotta gravemente irriguardosa nei confronti dell’IV ufficiale, concretizzatasi anche in un contatto fisico, in quanto, a gioco fermo, usciva dall’area tecnica si avvicina allo stesso e lo afferrava per un braccio pronunciando nei confronti della Squadra Arbitrale frasi irriguardose. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 1, e 36, comma 1, lett. b), C.G.S, ritenuta la continuazione e valutate le modalità complessive della condotta (r. IV. ufficiale).

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA ED EURO 500 DI AMMENDA

  • FACCI MATTIA (VIRTUS VERONA) per avere, al 37°minuto del secondo tempo, tenuto una condotta irriguardosa nei confronti dell’arbitro, in quanto protestava nei confronti di una sua decisione con gesti plateali di dissenso uscendo dall’area tecnica e pronunciando al suo indirizzo una frase irriguardosa. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 36, comma 1, lett. a), C.G.S, valutate le modalità complessive della condotta (r. IV ufficiale, panchina aggiuntiva).
  • TABBIANI LUCA (FIORENZUOLA) per avere, al 38°minuto del secondo tempo tenuto una condotta irriguardosa nei confronti dell’assistente arbitrale protestando verso di lui per una decisione adottata e pronunciato un’espressione blasfema; al provvedimento di espulsione, mentre si allontanava dal recinto di gioco, pronunciava una frase irriguardosa nei confronti dell’assistente arbitrale. Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, 36, comma 2, lett. a), e 37 C.G. S, valutate le modalità complessive della condotta (r.VI ufficiale).

ALLENATORI NON ESPULSI

SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE ED € 500 DI AMMENDA

ALBARELLA NICOLA (LATINA) per aver, al termine della gara, tenuto una condotta ingiuriosa nei confronti dell’arbitro pronunciando al suo indirizzo per due volte una frase offensiva. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 36, comma 1, lett. a), C.G.S., ritenuta la continuazione e valutate le modalità complessive dei fatti (r.proc.fed., panchina aggiuntiva).

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA

  • LAURO MAURIZIO (MANTOVA) per avere, al 20°minuto del secondo tempo, pronunciato un ’espressione blasfema mentre si trovava in prossimità della panchina. Misura ed irrogazione della sanzione in applicazione dell’art. 37 C.G.S. applicati i principi enunciati nella decisione 0102/CSA 2021-2022 (r. proc. fed.).

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (IV INFR)

  • DE PAOLA LUCIANO (LECCO)

AMMONIZIONE (I INFR)

  • GRECO LEANDRO (SUDTIROL)
  • NICCOLAI ANTONIO (JUVE STABIA)

MEDICI ESPULSI

SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE

  • MANDELLI DAVIDE (GIANA ERMINIO) per aver, al 45°minuto del secondo tempo, tenuto una condotta ingiuriosa ed irriguardosa nei confronti della Squadra Arbitrale, in quanto pronunciava ripetutamente frasi offensive ed irrispettose nei loro confronti. Alla notifica del provvedimento di espulsione reiterava le frasi irriguardose. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 36, comma 1, lett. a), C.G.S, valutate le modalità complessive della condotta, ritenuta la continuazione e la recidiva (r.IV ufficiale).

CALCIATORI ESPULSI

SQUALIFICA PER CINQUE GARE EFFETTIVE

  • ALBERTI THOMAS (LEGNAGO SALUS) per avere, al 44°minuto del secondo tempo, tenuto una condotta violenta nei confronti di un avversario in quanto, con il pallone a distanza di gioco, lo colpiva al volto con il pugno chiuso, provocandogli fuoriuscita di sangue dalle labbra. Misura della sanzione in applicazione dell’art. 38 C.G.S, valutate le modalità complessive della condotta di particolare gravità e considerato che la condotta è stata posta in essere senza possibilità di giocare il pallone e che ha provocato una ferita con perdita di sangue in danno dell’avversario.

SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE

  • CESARINI ALESSANDRO (PIACENZA) per avere, al 21°minuto del primo tempo, tenuto una condotta violenta nei confronti di un avversario in quanto, con il pallone non a distanza di gioco, lo colpiva con uno schiaffo al volto. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 38 C.G.S, valutate le modalità complessive della condotta, in particolare che il pallone non era a distanza di gioco, ed il ruolo di Capitano ricoperto dal Calciatore espulso.

SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE

  • PACILLI MARIO (TARANTO) per avere, al 49°minuto del secondo tempo, tenuto una condotta violenta nei confronti di un avversario in quanto, a gioco in svolgimento e con il pallone a distanza di gioco, lo colpiva volontariamente con un calcio nella parte alta del tallone e porzione inferiore del polpaccio, senza provocare conseguenze. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 38 C.G.S, valutate le modalità complessive della condotta e considerato, da una parte, che non si sono verificate conseguenze dannose a carico dell’avversario e, dall’altra, che la condotta è stata posta in essere senza possibilità di giocare il pallone.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA

  • TONUCCI DENIS (JUVE STABIA) per avere, al 45°minuto del secondo tempo, tenuto una condotta ingiuriosa ed irriguardosa nei confronti di un calciatore avversario pronunciando al suo indirizzo frasi offensive ed irrispettose. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 4 C.G.S., valutate le modalità complessive della condotta.
  • CAROSSO ALESSANDRO (VIBONESE) per aver tenuto, al 45°minuto del primo tempo, una condotta gravemente antisportiva commettendo un fallo su un avversario e impedendo un’evidente opportunità di segnare una rete. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 39 C.G.S.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER DOPPIA AMMONIZIONE

  • RAGGIO LEONARDO (TRENTO)
  • ENRICI PATRICK (LECCO)
  • FAEDO CARLO (VIRTUS VERONA)

CALCIATORI NON ESPULSI

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER RECIDIVITA’ IN AMMONIZIONE (XIV INFR)

  • NICCO GIANLUCA (PRO PATRIA)
  • SCOGNAMILLO STEFANO (CATANZARO)

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER RECIDIVITA’ IN AMMONIZIONE (X INFR)

  • HRAIECH SABER (PADOVA)
  • MARTINELLI LUCA (CATANZARO)
  • VITALE MATTIA (PRO VERCELLI)
  • MARSILI MASSIMILIANO (TARANTO)

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER RECIDIVITA’ IN AMMONIZIONE (V INFR)

  • BELCASTRO LUCA (TRENTO)
  • GUSU MIHAI VASILICA (ALBINOLEFFE)
  • CAPRILE ELIA (PRO PATRIA)
  • PARIGI GIACOMO (PICERNO)
  • PITARRESI FRANCESCO (PICERNO)
  • AJETI ARLIND (PADOVA)
  • BIASCI TOMMASO (CATANZARO)
  • RIGGIO CRISTIAN (FIDELIS ANDRIA)
  • POTOP SIMONE (FIORENZUOLA)
  • DE MARCHI MICHAEL (SUDTIROL)
  • ERCOLANO EMANUEL (LATINA)
  • ANTONELLI FRANCESCO (LEGNAGO)
  • GOMEZ TALEB JUAN IGNACIO (LEGNAGO SALUS)
  • SALVI STEFANO (LEGNAGO SALUS)
  • BIZZOTTO NICOLA (MONOPOLI)
  • CANCELLIERI DAMIANO (MONTEROSI TUSCIA)
  • ZULLO WALTER (TARANTO)
  • SOLCIA DANIELE (SEREGNO)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (XIII INFR)

  • GERBAUDO MATTEO (MANTOVA)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (IX INFR)

  • D’ERRICO ANDREA (BARI)
  • MUROLO MICHELE (PAGANESE)
  • SALA ALESSANDRO (PRO SESTO)
  • MANZI CLAUDIO (TURRIS)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (IV INFR)

  • GARCIA RODRIGUEZ RUBEN (PICERNO)
  • GANZ SIMONE ANDREA (LECCO)
  • CAFERRI LORENZO (GIANA ERMINIO)
  • SONCIN MATTEO (PERGOLETTESE)
  • ROSSI MASSIMILIANO (PIACENZA)
  • LOUATI ALESSANDRO (PRO VERCELLI)
  • LABRIOLA VALERIO (TARANTO)

AMMONIZIONE (XV INFR)

  • POMPEU DA SILVA RONALDO (PADOVA)

AMMONIZIONE (XII INFR)

  • CALDORE MARCO (JUVE STABIA)
  • BENSAJA NICHOLAS (PAGANESE)

AMMONIZIONE (XI INFR)

  • ESPOSITO ANDREA (LATINA)

    GELONESE LUCA (VIBONESE)

AMMONIZIONE (VIII INFR)

  • BOFFELLI ANDREA (PRO PATRIA)
  • RICCI GIACOMO (BARI)
  • PETERMANN DAVIDE (FOGGIA)
  • CARULLO GIOACCHINO (FIDELIS ANDRIA)
  • CURTO MARCO (SUDTIROL)
  • LAMBRUGHI ALESSANDRO (PERGOLETTESE)
  • NAVA RICCARDO (PIACENZA)
  • BALDASSIN LUCA (RENATE)
  • DI NUNZIO FRANCESCO (TURRIS)

AMMONIZIONE (VII INFR)

  • FIETTA GIOVANNI (PRO PATRIA)
  • CELJAK VEDRAN (LECCO)
  • MENNA DAMIANO (CAMPOBASSO)
  • LEGATI ELIA (FERALPISALO’)
  • PISANO EROS (FERALPISALO’)
  • RISOLO ANDREA (FIDELIS ANDRIA)
  • INGROSSO GABRIELE (VIRTUS FRANCAVILLA)
  • CONTINI GIANLUCA (LEGNAGO SALUS)
  • CELIC MAKS JURAJ (ACR MESSINA)
  • RIZZO GIUSEPPE (ACR MESSINA)
  • MBENDE EMMANUEL (MONTEROSI TUSCIA)
  • RAPISARDA FRANCESCO (TRIESTINA)
  • ROSSI MARCO (SEREGNO)

AMMONIZIONE (VI INFR)

  • CIANCIO SIMONE (AVELLINO)
  • DETTORI FRANCESCO (PICERNO)
  • FERRANI MANUEL (PICERNO)
  • SANTINI CLAUDIO (PADOVA)
  • BUBAS SERGIO NICOLAS (FIDELIS ANDRIA)
  • CAVALLI TOMMASO (FIORENZUOLA)
  • CASIRAGHI DANIELE (SUDTIROL)
  • ROVER MATTEO (SUDTIROL)
  • ACELLA CHRISTIAN (GIANA ERMINIO)
  • BARRENECHEA ENZO ALAN TOMAS (JUVENTUS U23)
  • SCANAGATTA EDOARDO (PAGANESE)
  • BUCOLO ROSARIO ALESSANDRO (POTENZA)
  • LIGI ALESSANDRO (TRIESTINA)
  • GEMIGNANI ANDREA (SEREGNO)

AMMONIZIONE (III INFR)

  • PALERMO MARCO (LATINA)
  • PELLIZZARI STEFANO (LEGNAGO SALUS)
  • SCHIAVINO MARCO (PAGANESE)
  • CAPOGNA RICCARDO (PRO SESTO)
  • OFFREDI DANIEL (TRIESTINA)
  • NALINI ANDREA (VIRTUS VERONA)

AMMONIZIONE (II INFR)

  • PICCOLI MARCO (ALBINOLEFFE)
  • PANICO CIRO (JUVE STABIA)
  • D’ALOIA MARCO LUPO (LATINA)
  • PEDRINI MATTEO (MANTOVA)
  • NIGRO GENNARO MICHAEL (POTENZA)
  • MARILUNGO GUIDO (PRO SESTO)

AMMONIZIONE (I INFR)

  • PARKER SEAN (PRO PATRIA)
  • RIZZO ALBERTO (FOGGIA)
  • MOROSINI TOMMASO (LECCO)
  • BROH TONYE JEREMIE DELPHIN (SUDTIROL)
  • DELL’ORFANELLO UGO (JUVE STABIA)
  • COSENZA FRANCESCO (PIACENZA)
  • ADAMOLI ANDREA (PRO SESTO)
  • SIGNORILE SABINO (SEREGNO)

Si precisa che i predetti provvedimenti potranno essere impugnati con ricorso da presentarsi con le modalità e i termini stabiliti dall’art. 71 C.G.S.

Il contributo previsto per il reclamo potrà essere pagato tramite una delle seguenti modalità:
– addebito su conto campionato;
– assegno circolare non trasferibile intestato a F.I.G.C. Roma;
– bonifico bancario IBAN F.I.G.C. IT73R0100503309000000010000
Gli importi delle ammende irrogate con il presente Comunicato saranno addebitati sul conto campionato delle società.