Squalificati in Serie C 2021/2022 dopo la 38° giornata: ecco quali

36

lega pro logo

Due giornate di squalifica per Aloi dell’Avellino e Marotta del Modena. Tra gli squalificati per un turno Migliorini del Gubbio, Valentini della Pro Vercelli e Fietta della Pro Patria

FIRENZE – Il Giudice Sportivo Dott. Stefano Palazzi, assistito da Irene Papi e dal Rappresentante dell’A.I.A. Sig. Marco Ravaglioli, nella seduta del 25 Aprile 2022 ha adottato le deliberazioni che di seguito integralmente si riportano.

SOCIETA’

AMMENDA

€ 2000 Palermo per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti:

1 – nell’avere fatto esplodere, al 27 °minuto del primo tempo, un petardo di notevole intensità all’interno del settore loro riservato;

2- nell’avere lanciato un fumogeno all’interno del recinto di gioco, danneggiando due teloni in PVC utilizzati per la protezione dei pannelli pubblicitari ed i cavi elettrici utilizzati per l’alimentazione dei pannelli suddetti;

3 – nell’avere, al 90°minuto, lanciato oggetti nel settore occupato dai sostenitori del Bari posizionati nella Tribuna Est superiore.

Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13 comma 2, 25 e 26 C.G.S, considerato che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta (r. proc. fed., r. c.c. obbligo risarcimento danni se richiesto).

€ 1000 Taranto per fatti violenti e contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza commessi dai suoi sostenitori, integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti:

1 – nell’avere fatto esplodere, all’ 8°minuto ed al 18°minutodel primo tempo, due petardi di notevole intensità’ nel settore loro riservato;

2- nell’avere lanciato al 12°minuto del primo tempo, un petardo di notevole intensità alle spalle del loro settore;

3 – nell’avere danneggiato i servizi igienici loro riservati provocando la fuoriuscita di acqua;

4 – nell’avere divelto la rete di recinzione fra il terreno di gioco ed il settore loro riservato.

Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13 comma 2, 25 e 26 C.G.S, considerato che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta e che non si sono verificate conseguenze dannose a seguito dell’esplosione dei petardi (r. proc. fed., r. c.c., obbligo risarcimento danni se richiesto).

€ 1000 Modena per avere persone non autorizzate fatto accesso sul terreno di gioco al termine della gara e, successivamente, anche all’interno degli spogliatoi. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 4, 6, 13, comma 2, C.G.S., valutate le modalità complessive dei fatti. (r. proc. fed., r.c.c.).

€ 500 Avellino per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’avere lanciato, al 34°minuto del primo tempo e al 37°minuto del secondo tempo, due petardi di notevole intensità nella parte inferiore del proprio settore non occupato da sostenitori.

Misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13 comma 2, 25 e 26 C.G.S, considerato che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta e che non si sono verificate conseguenze dannose (r. proc. fed., r. c.c.).

€ 500 Bari per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’avere, al 90°minuto, lanciato oggetti nel settore occupato dai sostenitori del Palermo posizionati nel settore loro riservato, in risposta ad un lancio di oggetti effettuato da questi ultimi. Ritenuta la continuazione, valutate le modalità (anche cronologiche) dei fatti, misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13 comma 2, 25 e 26 C.G.S, (r. proc. fed.).

€ 300 Sudtirol per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’avere fatto esplodere, al minuto 92°minuto, un petardo all’interno del settore loro riservato. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13 comma 2, 25 e 26 C.G.S, considerato che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta e che non si sono verificate conseguenze dannose (r. proc. fed, r. c.c.).

€ 300 Trento per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’avere fatto esplodere, al 30°minuto circa, un petardo all’interno del settore loro riservato. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13. comma 2, 25 e 26 C.G.S, considerato che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta e che non si sono verificate conseguenze dannose (r. proc. fed., r. c.c.).

€ 300 Fidelis Andria per fatti violenti e contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza commessi dai suoi sostenitori, consistiti nell’avere danneggiato una quindicina di seggiolini posti nel settore loro riservato e nell’avere ricoperto una parete del bagno ospiti dedicata agli uomini con una scritta nera e rossa Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13 comma 2, e 26 C.G.S., valutate le modalità complessive dei fatti e che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta ( r. c.c. – obbligo di risarcimento se richiesto).

€ 300 Paganese per avere suoi tesserati non identificabili presenti all’interno dello spogliatoio loro riservato, al termine della gara, danneggiato parte dei relativi servizi igienici. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 4, 6, 13, comma 2, C.G.S., valutate le modalità complessive della condotta (r.c.c., obbligo risarcimento danni se richiesto).

€ 200 Lecco per avere la quasi totalità dei suoi sostenitori presenti nel settore loro riservato, intonato, al 91°minuto, ripetutamente, per sette volte, cori oltraggiosi nei confronti di Istituzioni Calcistiche.

Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 25, comma 3, C.G.S., valutate le modalità complessive dei fatti e considerato che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta (r.proc. fed., r.c.c..).

DIRIGENTI ESPULSI

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ IN SENO ALLA F.I.G.C., A RICOPRIRE CARICHE FEDERALI
ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA’ NELL’AMBITO FEDERALE A TUTTO IL 15 MAGGIO 2022 ED €
500 DI AMMENDA

BALDRIGHI LUCA (FIORENZUOLA)

1 -per avere, al 12°minuto del secondo tempo, tenuto un comportamento irriguardoso nei confronti dell’arbitro, in quanto protestava nei confronti di una sua decisione, pronunciando al suo indirizzo una frase irrispettosa;

2 – per essersi trattenuto, al termine della gara, all’interno dell’area spogliatoi dopo il provvedimento di espulsione e aver pronunciato in tale circostanza una frase offensiva nei confronti dell’arbitro;

3 – per avere pronunciato un’espressione blasfema al termine della gara, mentre si trovava all’interno dell’area spogliatoi, in segno di protesta verso l’operato dell’arbitro. Misura e irrogazione della sanzione in applicazione degli artt. 4, 13, comma 2, 36, comma 2, lett. a), e 37 C.G.S. ritenuta la continuazione e applicati i principi enunciati nella decisione 0102/CSA 2021-2022. (r. proc. fed, r. c.c.).

DIRIGENTI NON ESPULSI

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ IN SENO ALLA F.I.G.C., A RICOPRIRE CARICHE FEDERALI
ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA’ NELL’AMBITO FEDERALE A TUTTO IL 3 MAGGIO 2022

PINTO LEONAR (BARI) per avere, in quattro diverse occasioni (42°- 53° – 68° – 79°minuto della gara), tenuto una condotta irriguardosa nei confronti dell’arbitro protestando in maniera plateale contro le sue decisioni e in una di queste proferendo nei suoi confronti parole irrispettose. Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 36, comma 2, lett. a), C.G.S, valutate le modalità complessive della condotta (r. proc. fed.).

AMMENDA € 500

POLITO CIRO (BARI) per avere fatto accesso all’interno dello spogliatoio del Bari, prima della gara e nell’intervallo, nonostante non fosse inserito in distinta gara. Ritenuta la continuazione fra le condotte poste in essere, misura della sanzione in applicazione degli artt. 4, 13, comma 2, codice giustizia sportiva, valutate le modalità complessive dei fatti (r. proc. fed.).

ALLENATORI

ALLENATORI ESPULSI

SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE

CANEO BRUNO RAIMONDO (TURRIS) per aver, al 20°minuto del secondo tempo, tenuto una condotta irriguardosa nei confronti dell’arbitro, in quanto a gioco fermo, durante i festeggiamenti per la segnatura di una rete da parte della propria squadra, dopo aver protestato verso il IV uomo nei confronti di una decisione arbitrale, entrava sul terreno di gioco e con fare minaccioso e aggressivo si avvicinava all’arbitro arrivando fino a due metri di distanza. Solo grazie all’intervento dei dirigenti della sua squadra è stato possibile allontanarlo. Al termine della gara attendeva l’arbitro all’ingresso dello spogliatoio e reiterava frasi irriguardose e minacciose nei suoi confronti. Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 36, comma 2, lett. a), C.G.S., valutate le modalità complessive della condotta.

ALLENATORI NON ESPULSI

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA ED € 1000 AMMENDA

LERDA FRANCO (PRO VERCELLI) per avere diretto la squadra mediante indicazioni fornite dagli spalti mediante comunicazione telefonica con l’allenatore Nardecchia Massimiliano nonostante fosse squalificato, in violazione dell’art. 21, comma 9, CGS., con l’applicazione della recidiva in considerazione delle sanzioni della stessa natura già irrogate (sanzione da scontarsi, quanto alla squalifica, nella prima gara utile dopo il termine della squalifica in corso). Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 19, comma 3, C.G.S. (r.proc. fed.), in considerazione delle modalità complessive dei fatti e della recidiva.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA

NARDECCHIA MASSIMILIANO (PRO VERCELLI) per avere consentito la direzione della squadra all’allenatore squalificato mediante comunicazione telefonica intercorsa con questi durante l’intera gara, in violazione dell’art. 21, comma 9, CGS. Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 4, 13, comma 2, e 19, comma 3, C.G.S. in considerazione della modalità complessive dei fatti (r.proc. fed.).

CONTINI MATTEO (GIANA ERMINIO) per avere, nel corso del secondo tempo, componenti non identificati della panchina del Giana Erminio, nascosto due palloni al fine di ritardare la ripresa del gioco. Misura della sanzione in applicazione della regola 12 del Regolamento del Giuoco del Calcio e degli artt. 4, 13, comma 2, C.G.S., valutate le modalità complessive dei fatti e la gravità della condotta posta in essere (r. proc. fed.).

AMMENDA € 300

TABBIANI LUCA (FIORENZUOLA) per avere sostato, due ore prima dell’inizio della gara e prima che fossero arrivate le squadre, nell’area spogliatoi, in prossimità dell’uscita principale, nonostante fosse squalificato, in violazione dell’art. 21, comma 9, CGS. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 19, comma 3, C.G.S. in considerazione della modalità complessive dei fatti (r.proc. fed, r.c.c.).

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (IX INFR)

PAGLIUCA GUIDO (LUCCHESE)

AMMONIZIONE (II INFR)

ALESSANDRINI MARCO (PISTOIESE)

CALCIATORI

CALCIATORI ESPULSI

SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE

  • ALOI SALVATORE (AVELLINO) per aver, al 41°minuto del primo tempo, tenuto una condotta gravemente antisportiva nei confronti di un calciatore avversario in quanto, a gioco in svolgimento, durante la contesa del pallone situato a circa un metro di altezza dal terreno di gioco, nel tentativo di recuperarlo colpiva l’avversario con la scarpa destra sulla nuca. Misura della sanzione in applicazione dell’art 39 C.G.S, valutate le modalità complessive della condotta e considerato, da una parte, la pericolosità e le modalità del fallo commesso e, dall’altra, che non si sono verificate conseguenze dannose a carico dell’avversario.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA

  • MIGLIORINI MARCO (GUBBIO) per aver tenuto, al 33°minuto del primo tempo, una condotta gravemente antisportiva commettendo un fallo su un avversario e impedendo un’evidente opportunità di segnare una rete. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 39 C.G.S.
  • VALENTINI ALEX (PRO VERCELLI) per aver tenuto, al 17°minuto del primo tempo, una condotta gravemente antisportiva commettendo un fallo su un avversario e impedendo un’evidente opportunità di segnare una rete. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 39 C.G.S.
  • FIETTA GIOVANNI (PRO PATRIA) per aver tenuto, al 37°minuto del secondo tempo, una condotta gravemente antisportiva commettendo un fallo su un avversario e impedendo un’evidente opportunità di segnare una rete. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 39 C.G.S.

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER DOPPIA AMMONIZIONE

  • LOLLO LORENZO (LEGNAGO SALUS)

CALCIATORI NON ESPULSI

SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE

  • MAROTTA ALESSANDRO (MODENA)

1) per avere, all’85°minuto della gara circa, fatto accesso sul terreno di gioco in compagnia delle due figlie, sebbene non fosse inserito nella distinta di gara;

2) per avere risposto in modo non corretto al responsabile della sicurezza che lo invitava a non fare accesso nell’area sopra indicata;

3) per essersi, dal 89ºminuto della gara in poi, trattenuto sulla panchina della sua Squadra unitamente alle due figlie;

4) per avere, al termine della gara, fatto accesso all’interno degli spogliatoi, nonostante non fosse inserito in distinta gara, in compagnia delle due figlie e di altri soggetti non autorizzati;

5) per avere tenuto, in tale ultima occasione, un comportamento non corretto nei confronti di un Componente della Procura Federale prima e del Commissario di campo dopo, rivolgendo un epiteto offensivo nei confronti di quest’ultimo.

Ritenuta la continuazione fra le condotte poste in essere, misura della sanzione in applicazione degli artt. 4, 13, comma 2, codice giustizia sportiva, valutate la pervicacia della condotta e le parole utilizzate. (r. proc. fed., r.c.c.).

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA ED € 500 DI AMMENDA

  • GIANI ELIA (FIORENZUOLA) per aver pronunciato un ’espressione blasfema mentre si trovava negli spogliatoi in segno di protesta nei confronti dell’operato arbitrale e per avere subito dopo sferrato un pugno contro la porta metallica dello spogliatoio dell’arbitro. Misura e irrogazione della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, 36 e 37 C.G.S. ritenuta la continuazione e applicati i principi enunciati nella decisione 0102/CSA 2021-2022 (r. proc. fed).

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA

  • ZAMPA ENRICO (TURRIS) per avere tenuto una condotta non corretta al 25°minuto del primo tempo ed al 6°minuto del secondo tempo, in quanto in entrambe le occasioni, mentre si trovava in panchina, si allontanava
    dalla stessa e urinava presso un palo dell’illuminazione ubicato oltre la linea di fondo. Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 4 e 13, comma 2, C.G.S. in considerazione della modalità complessive dei fatti (r.proc. fed.).

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER RECIDIVITA’ IN AMMONIZIONE (X INFR)

  • GUCCIONE FILIPPO (MANTOVA)
  • COCCO ANDREA SALVATORE (SEREGNO)

SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER RECIDIVITA’ IN AMMONIZIONE (V INFR)

  • MATERA ANTONIO (AVELLINO)
  • BOTTA MONTERO RUBEN ALEJANDRO (BARI)
  • GALLO ANDREA (FOGGIA)
  • LIGUORI MICHAEL (CAMPOBASSO)
  • DELVINO FABIO FERNANDO (VIRTUS FRANCAVILLA)
  • FERRARI SIMONE (GIANA ERMINIO)
  • BARBIERI TOMMASO (JUVENTUS U23)
  • BIANCU ROBERTO (OLBIA)
  • CLEMENTE GIANLUCA (PRO VERCELLI)
  • FERRARA ANTONIO (TARANTO)
  • FRANCO DANIELE (TURRIS)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (XIII INFR)

  • YABRE ABDOUL MEYKER (LEGNAGO SALUS)
  • DE ROSE FRANCESCO (PALERMO)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (IX INFR)

  • PETERMANN DAVIDE (FOGGIA)
  • FERRI LUCA (FIORENZUOLA)
  • CITTADINO ANDREA (GUBBIO)
  • SIGNORINI ANDREA (GUBBIO)
  • NAVA RICCARDO (PIACENZA)
  • CARGNELUTTI RICCARDO (POTENZA)
  • SCIAUDONE DANIELE (REGGIANA)
  • BALDASSIN LUCA (RENATE)
  • DAFFARA MANUEL (VIRTUS VERONA)
  • ACQUADRO ALBERTO (VIS PESARO)
  • MEGELAITIS LINAS (VITERBESE)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (IV INFR)

  • MASETTI LORENZO (ANCONA MATELICA)
  • SENESI YURI (PICERNO)
  • TERRANI GIOVANNI (PADOVA)
  • CANDELLORI KEVIN (CAMPOBASSO)
  • RAUTI NICOLA (PESCARA)
  • BRUZZO MICHELE (GROSSETO)
  • BORRELLI GENNARO (MONOPOLI)
  • SECULIN ANDREA (PISTOIESE)
  • BRENTAN MICHAEL (PRO SESTO)
  • RADREZZA IGOR (REGGIANA)
  • CICCONI MANUEL (RENATE)
  • PINTO PIERLUIGI (TERAMO)
  • SADIKI KOSOVAR (VIRTUS ENTELLA)
  • NALINI ANDREA (VIRTUS VERONA)

AMMONIZIONE (XV INFR)

  • GAVAZZI FABIO (VIS PESARO)

AMMONIZIONE (XII INFR)

  • MERCATI ALESSANDRO (AQUILA MONTEVARCHI)
  • BOVE DAVIDE (AVELLINO)
  • ROCCHI GABRIELE (MONTEROSI TUSCIA)

AMMONIZIONE (XI INFR)

  • SILVESTRI LUIGI (AVELLINO)
  • MICELI MIRKO (VIRTUS FRANCAVILLA)
  • ZARO GIOVANNI (SUDTIROL)
  • TERASCHI MARCO (LATINA)
  • DALL’OGLIO JACOPO (PALERMO)
  • TERZI CLAUDIO (SIENA)
  • VOLTA MASSIMO (TRIESTINA)
  • SUAGHER EMANUELE (VIBONESE)

AMMONIZIONE (VIII INFR)

  • MASINI PATRIZIO (LECCO)
  • PISANO EROS (FERALPISALO’)
  • MALOMO ALESSANDRO (SUDTIROL)
  • PALAZZOLO NICOLO’ (GIANA ERMINIO)
  • CRETELLA RICCARDO (GROSSETO)
  • PICCOLI GIANLUCA (GROSSETO)
  • BARBERINI CHRISTIAN (LATINA)
  • SARZI PUTTINI DANIELE (LATINA)
  • MBENDE EMMANUEL (MONTEROSI TUSCIA)
  • VERDE FRANCESCO (MONTEROSI TUSCIA)
  • LA ROSA LUCA (OLBIA)
  • LUCARELLI MATTIA (PRO SESTO)
  • RICCARDI DAVIDE (TARANTO)
  • VIERO FEDERICO (TERAMO)
  • ROSSI MARCO (SEREGNO)

AMMONIZIONE (VII INFR)

  • RIVA RUGGERO (ALBINOLEFFE)
  • DI CESARE VALERIO (BARI)
  • BLONDETT EDOARDO (FERMANA)
  • BONDIOLI ANDREA (LEGNAGO SALUS)
  • PERGREFFI ANTONIO (MODENA)
  • PICCINNI MARCO (MONOPOLI)
  • SCANAGATTA EDOARDO (PAGANESE)
  • DE MARIA VINCENT (TARANTO)
  • GALEOTAFIORE GIOACCHINO (SEREGNO)
  • INVERNIZZI ANDREA (SEREGNO)

AMMONIZIONE (VI INFR)

  • DE FRANCO CIRO (PICERNO)
  • SCAVONE MANUEL (BARI)
  • TERRANOVA EMANUELE (BARI)
  • PACE FEDERICO (CAMPOBASSO)
  • ROSSETTI MATTIA (CAMPOBASSO)
  • BALESTRERO DAVIDE (FERALPISALO’)
  • MARCHI ETTORE (FERMANA)
  • PIROLA DAVIDE (GIANA ERMINIO)
  • SARAO MANUEL (GUBBIO)
  • BUGLIO DAVIDE (MONTEROSI TUSCIA)
  • ZAMPARO LUCA (REGGIANA)
  • BIANCHI TOMMASO (SIENA)
  • COPPOLARO MAURO (VIRTUS ENTELLA)
  • DESSENA DANIELE (VIRTUS ENTELLA)
  • MAZZOLO FRANCESCO (VIRTUS VERONA)

AMMONIZIONE (III INFR)

  • SCOGNAMIGLIO GENNARO (AVELLINO)
  • KHAILOTI OMAR (CARRARESE)
  • NZITA THETO MARDOCHEE (PESCARA)
  • KYEREMATENG NIGEL BRIAN (FERMANA)
  • BOLOGNESE SIMONE (FIDELIS ANDRIA)
  • CURRARINO MICHELE (FIORENZUOLA)
  • MELI GABRIEL MANUEL (SUDTIROL)
  • PANICO CIRO (JUVE STABIA)
  • BIANCHI DAVIDE (MANTOVA)
  • BRUCCINI MIRKO (MANTOVA)
  • NARCISO ANTONIO (MODENA)
  • LEPORE FRANCO (PERGOLETTESE)
  • DI MASSIMO ALESSIO (PISTOIESE)
  • MARCUCCI ANDREA (PISTOIESE)
  • FABBRO MICHAEL (SIENA)
  • GIANNONE LUCA (TURRIS)
  • SIBI SHEIKH (VIRTUS VERONA)
  • BESEA PRINCE EMMANUEL (VIS PESARO)
  • ALBERICO DOMENICO (VITERBESE)
  • MARENCO FILIPPO (VITERBESE)

AMMONIZIONE (II INFR)

  • MANCONI JACOPO (ALBINOLEFFE)
  • VITALI LEONARDO (ANCONA MATELICA)
  • PARKER SEAN (PRO PATRIA)
  • VEZZONI FRANCO ORLANDO (PRO PATRIA)
  • PELAGATTI CARLO (PADOVA)
  • CALDERONI MARCO (CESENA)
  • GIUNTA FRANCESCO (CAMPOBASSO)
  • LADU PIETRO (CAMPOBASSO)
  • LEGITTIMO MATTEO (FIDELIS ANDRIA)
  • DE SANTIS EROS (LATINA)
  • CRIVELLO ROBERTO (PALERMO)
  • CREMONESI MICHELE (REGGIANA)
  • LIPANI IACOPO (VIRTUS ENTELLA)
  • RUBIN MATTEO (VIS PESARO)
  • SIGNORILE SABINO (SEREGNO)

AMMONIZIONE (I INFR)

  • BIAGI SIMONE (AQUILA MONTEVARCHI)
  • ALLIEVI NICHOLAS (CESENA)
  • CORRADI MATTIA (FERALPISALO’)
  • SPEDALIERI JONATHAN ANDREA (FERMANA)
  • FELTRIN ANDREA (VIRTUS FRANCAVILLA)
  • UBALDI LEONARDO (LUCCHESE)
  • FOLPRECHT ZDENEK (PISTOIESE)
  • CANNAVARO MANUEL (TARANTO)

Si precisa che i predetti provvedimenti potranno essere impugnati con ricorso da presentarsi con le modalità e i termini stabiliti dall’art. 71 C.G.S.

Il contributo previsto per il reclamo potrà essere pagato tramite una delle seguenti modalità:
– addebito su conto campionato;
– assegno circolare non trasferibile intestato a F.I.G.C. Roma;
– bonifico bancario IBAN F.I.G.C. IT73R0100503309000000010000

Gli importi delle ammende irrogate con il presente Comunicato saranno addebitati sul conto campionato delle società.