Tim Cup, Udinese-Fiorentina 0-1: un gol di Borja Valero porta i viola ai quarti

logo-udineseCon tanto entusiasmo e voglia di stupire, l’Udinese si appresta ad affrontare la nuova avventura in Coppa Italia. L’avversario non è dei più facili. La Fiorentina di Vincenzo Montella, infatti, si è distinta in questa prima parte di campionato per gran gioco, compattezza e concretezza. Una partita tosta, dunque, per questo mister Francesco Guidolin non fa conti e manda in campo la miglior formazione possibile. Padelli prende il posto di Brkic tra i pali, Heurtaux e Angella affiancano Danilo in difesa, Gabriel Silva esordisce dal 1′ e Fabbrini torna alle spalle di capitano Antonio Di Natale.

Il tecnico viola opta per il 3-5-2 con Neto al posto di Viviano, l’ex Cuadrado sulla fascia destra e la coppa Ljajic-Seferovic in avanti.

Entrambe le compagini sono ben messe in campo e, sin dal 1′, cercano solo manovre a palla bassa e geometrie ordinate. Dopo 2′ minuti Ljajic scalda i guantoni a Padelli con un tiro centrale. La prima vera occasione, al 4′, capita a Gabriel Silva che, smarcato in area da un lancio millimetrico di Allan, colpisce di testa a tu per tu con Neto senza trovare lo specchio della porta per un soffio. I bianconeri giocano in scioltezza e con più sicurezza, i viola tengono il pallone senza riuscire ad affondare. Al 17′ grande doppia occasione per le zebrette: prima Heurtaux, da pochi metri, tira addosso a Neto, poi, sulla respinta corta, la conclusione a botta sicura di Pinzi viene rimpallata fortunosamente da Roncaglia. Azione confusa e sfortunata, dalla quale Fernandez esce con un labbro spaccato per un colpo involontario di Fabbrini. La squadra di Guidolin è più in palla e al 24′ si avvicina nuovamente al gol con Di Natale: controllo al limite dell’area, finte disorientanti e tiro  secco deviato in angolo dalla retroguardia viola. Due minuti dopo, sempre il capitano bianconero impensierisce Neto con un sinistro insidioso ma centrale.

Adesso l’Udinese è l’unica padrona del campo, la Fiorentina stenta a creare gioco e si affida ai falli ripetuti. Al 33′ Ljajic alleggerisce il forcing bianconero con una punizione che finisce tra le braccia di Padelli. Nulla di fatto e al 35′ un’altra pericolosa occasione capita nei piedi di Basta che, a seguito di un batti e ribatti in area, non riesce a dare forza alla deviazione sotto porta. L’atteggiamento dei bianconeri è scintillante, ma al 37′ arriva la beffa. Basta, sfortunato nella chiusura in scivolata, libera Borja Valero che, dopo una serie di finte, calcia in porta trovando la sfortunata e decisiva deviazione di Danilo che spedisce la palla dove Padelli non può arrivare. Immeritatamente, la Fiorentina trova la via del gol e si porta in vantaggio al “Friuli”. La reazione bianconera è immediata e il gioco conserva la stessa intensità nonostante la botta. Il gioco prodotto è invidiabile per quantità e qualità, ma le conclusioni nello specchio della porta latitano e il primo tempo termina con il risultato di 0-1 per i viola.

Nel secondo tempo il copione non accenna a cambiare e nei primi cinque minuti l’Udinese produce due nitide palle gol. Il solito Di Natale prima libera un destro al volo che dà l’illusione del gol ma esce di poco, poi tenta un pallonetto che viene deviato e finisce di un soffio alto sopra la traversa. La furia bianconera è inarrestabile e, sugli sviluppi del calcio d’angolo, Dusan Basta costringe Neto alla super parata. Il gioco è nelle mani delle zebrette, ma al 7′ la Fiorentina ha l’occasione per raddoppiare. Fallo di Pinzi al limite dell’area ed esecuzione perfetta di Pasqual che, di sinistro, disegna una traiettoria che termina la propria corsa sull’incrocio dei pali. Occasione pericolosissima ma isolata, l’Udinese riprende a giocare a tutto campo con Guidolin che aumenta il potenziale offensivo inserendo Luis Muriel per l’ammonito Pinzi. Al 13′ ci prova Basta con un sinistro di controbalzo che non trova impreparato Neto. Vincenzo Montella fiuta il pericolo e sceglie di inserire Jovetic per lo spento Ljajic. L’ingresso del montenegrino riporta equilibrio al match, con la Fiorentina che riprende campo e non si lascia schiacciare facilmente.

È una partita a scacchi e mister Guidolin decide di far entrare Pereyra per Lazzari. Le zebrette tornano presto padrone del campo e al 25′ non trovano il pari solo per un miracolo di Neto. Capitan Di Natale sorprende alle spalle la difesa viola e schiaccia di testa verso l’angolino basso, il portiere brasiliano si lancia e, sotto gli occhi increduli del “Friuli”, con le punta delle dita sfiora il pallone mandandolo sul fondo. L’Udinese gioca alla grande, la porta viola sembra stregata. Al 34′ ci prova per l’ennesima volta il numero 10 bianconero, Neto blocca in due tempi. Al 39′ il tecnico bianconero gioca l’ultima carta inserendo Maicosuel per Basta. Saltano tutti gli schemi, i bianconeri vanno totalmente all’arrembaggio. Nei minuti finali la stanchezza si fa sentire e l lucidità viene a mancare. Gli attacchi risultano generosi ma imprecisi. Non bastano nemmeno i 4′ di recupero, l’arbitro fischia la fine.

L’Udinese esce dalla Coppa Italia, ma la prestazione della squadra non lascia spazio a polemiche. Il gruppo ha dato tutto, a larghi tratti ha dominato l’avversario senza subire nulla. Adesso tutte le forze devono andare al campionato.

TABELLINO:

UDINESE – FIORENTINA 0-1

UDINESE (3-5-1-1): Padelli; Heurtaux, Danilo, Angella; Basta (39′ st Maicosuel), Pinzi (10′ st Muriel), Lazzari (23′ st Pereyra), Allan, Gabriel Silva; Fabbrini; Di Natale. A disposizione: Brkic, Pawlowski, Domizzi, Coda, Faraoni, Pasquale, Badu, Zielinski, Ranégie. Allenatore: Guidolin.

FIORENTINA (3-5-2): Neto; Roncaglia, Rodriguez, Tomovic; Cuadrado (33′ st Romulo), Fernandez, Aquilani (27′ st Migliaccio), Borja Valero, Pasqual; Ljajic (16′ st Jovetic), Seferovic. A disposizione: Viviano, Lupatelli, Savic, Cassani, Della Rocca, Llama, Pizarro,, Toni. Allenatore: Montella.

Arbitro: Calvarese di Teramo. Assistenti: Galloni-Preti. Quarto uomo: Tommasi

Rete: 37′ Borja Valero

Ammoniti: 21′ Aquilani, 45′ Lazzari, 5′ st Pinzi, 33′ st Cuadrado, 40′ st Pereyra, 42′ Jovetic

Recupero: 1′ e 4′

[Sito Ufficiale Udinese Calcio – Fonte: www.udinese.it]