Torino-Lazio 2-2, il tabellino

541

Torino-Lazio risultato e tabellino della partita

RISULTATO FINALE: TORINO-LAZIO 2-2

TABELLINO

Torino (4-3-3): Hart; Zappacosta, Rossettini, Castan, Barreca; Benassi (dal 34′ st Maxi Lopez), Valdifiori, Baselli (dal 29′ st Obi); Iago Falque, Belotti, Ljajic. A disposizione: Cucchietti, Vives, Martinez, De Silvestri, Boyé, Moretti, Padelli, Bovo, Acquah, Ajeti. Allenatore: Mihajlovic

Lazio (4-3-3): Marchetti; Basta (dalll’11’ st Djordjevic), Wallace, Hoedt, Patric; Parolo, Cataldi, Lulic; Felipe Anderson, Immobile, Keita (dal 34′ st Murgia). A disposizione: Leitner, Prce, Vinicius, Luis Alberto, Strakosha, Lombardi, Vargic. Allenatore: Inzaghi

Arbitro: Piero Giacomelli della sezione di Trieste

Assistenti: Lo Cicero, Pegolin

Quarto Ufficiale: Ranghetti

Addizionali: Gavillucci, Di Paolo

Reti: al 20′ pt Iago Falque, al 26′ st Immobile, al 38′ st Murgia, al 47′ st Ljajic (rigore)

Ammonizioni: Barreca, Belotti, Parolo, Cataldi

Recupero: 1 minuto nel primo tempo, 4 minuti nella ripresa

Stadio: Olimpico Grande Torino

Torino-Lazio, la presentazione della partita

Torino-Lazio
Torino-Lazio risultato e tabellino della partita

TORINO – Partita molto importante che all’inizio del campionato non molti avrebbero giudicato di alta classifica come invece sarà il confronto tra granata e biancazzurri in programma alle ore 15.00 di domenica 23 ottobre.

Le squadre sono appaiate al Napoli al 4° posto e tallonano Roma e Milan all’inseguimento della “lepre” Juventus. Questa partita insomma assume una grande valenza ai fini della conquista dei punti necessari a stabilizzarsi in “zona Europa”, un livello al quale entrambe le formazioni puntano decisamente e senza reticenze.

QUI TORINO – Un Torino lanciatissimo, arriva da tre vittorie consecutive in campionato. Sono ben 20 mesi che riesce a fare di meglio: l’ultimo filotto di quattro vittorie di seguito è del febbraio 2015, nel campionato 2014-15. Il tecnico Sinisa Mihajlovic pare aver trovato la quadra giusta e senza troppa diplomazia propone la sua squadra per un posto in Europa, ma la cabala lo penalizza: dei 7 incontri disputati da mister contro le sue ex-squadre di quando era giocatore, Sinisa ne ha vinte solo 2. Per invertire la tendenza statistica la difesa si avvarrà degli esterni Zappacosta e Barreca per spingere sulle fasce. A Valdifiori le chiavi del centrocampo, con Benassi e Baselli rispettivamente in muro e impostazione per accorciare gli spazi verso il tridente titolare, con Belotti coadiuvato da Iago Faplque e Ljajic.

QUI ROMA –  Anche la Lazio vanta uno score piuttosto positivo, arrivando da 5 partite senza sconfitte nelle ultime 6 disputate, con tre vittorie e due pareggi, a ciò si aggiunga che nelle tre vittorie conseguite è anche riuscita a tenere la porta inviolata. In campo la Lazio si opporra con ogni probabilità schierata in una formazione tatticamente speculare a quella del Toro, con davanti Immobile al centro dell’attacco supportato come ali da Felipe Anderson e Keita. In difesda la coppia di centrali sarà costituita da Wallace e Hoedt, mentre è ancora indisponibile De Vrij. Davanti alla difesaci sarà il solito arcigno Parolo.

Articoli correlati