Torino, Mihailovic: “L’esordio con il Milan? Una partita speciale …”

Il tecnico granata ha fatto il punto della situazione al termine del ritiro della squadra in Valtellina

Sinisa MihajlovicTORINO – É terminata la prima fase di preparazione al campionato per il Torino che ieri ha chiuso il suo ritiro in Valtellina.

Il tecnico granata, Sinisa Mihajlovic è intervenuto alla conferenza stampa dove ha ringraziato il comune di Bormio per l’ospitalità, i tifosi per il calore oltre alla squadra per il lavoro svolto e alla società.

Proseguendo l’intervento ha parlato del programma che attende i suoi nei prossimi giorni:

“Questi giorni e i prossimi potranno servirmi per fare le valutazioni sui calciatori in rosa. Siamo solo all’inizio, ma se manterremo alta la concentrazione potremo fare bene. Vogliamo tornare in Europa entro due anni, ma questo non significa che non ci proveremo già in questa stagione: dobbiamo aver voglia di sognare ma sapendo che per realizzare i sogni serve tanta fatica. C’è molto da lavorare ma la base è solida e c’è grande voglia di lavorare e di applicarsi. Il cambio della difesa da 3 a 4 non è semplice: serve un po’ di tempo per sistemare delle cose”.

Parlando dei singoli ha trovato bene il neo acquisto Ljajic che ha visto molto maturato mentre si aspetta ancora molto da Maxi Lopez che reputa un giocatore ideale per il suo modulo.

Inevitabile la domanda sul campionato e l’esordio proprio contro la sua ex squadra:

“La partita di esordio a Milano sarà molto difficile: per me sarà una sfida speciale, ma non cerco rivincite contro nessuno. A Milanello ho lasciato tanti amici: saluterò i miei ragazzi, poi però farò di tutto per batterli”.