Totti: “Nel 2004 potevo andare al Real Madrid ma sono rimasto alla Roma”

25

Totti

Le parole dell’eterna bandiera della Roma nel corso di un’intervista rilasciata ai microfoni del magazine spagnolo Libero.

ROMA – Francesco Totti ha rilasciato un’interessante intervista al magazine spagnolo Libero. Queste le sue parole circa un curioso retroscena di mercato: “Sono sempre stato tifoso della Roma, è sempre stato il mio sogno giocare nella Roma con il numero dieci e la fascia di capitano. Una volta che sono riuscito a ottenere questo sogno me lo sono tenuto stretto. Il mio passaggio in Spagna era ormai cosa fatta all’80%. Con la Roma in quel momento c’erano un po’ di attriti, anche se poi Franco Sensi mi voleva bene realmente. Il Real mi avrebbe dato qualsiasi cosa per trasferirmi. Qualsiasi. Tranne la fascia di capitano che era di Raul, il giocatore che doveva guadagnare più di tutti. Era il simbolo. Qualunque giocatore andasse al Real Madrid, doveva guadagnare meno di lui. Nel 2004 mi scadeva il contratto con la Roma e ci sono stati alcuni problemi con il presidente per altri motivi, non miei personali. E il Real Madrid era disposto a offrirmi qualsiasi cifra per andare lì. Ci ho pensato a lungo. Ilary mi spingeva verso Madrid, mi diceva che avrebbe lasciato tutto e mi avrebbe seguito. Alla fine è stata una scelta di cuore, verso i tifosi, gli amici e la famiglia. Volevo fare qualcosa di diverso rispetto a tutti gli altri giocatori che si trasferivano nei grandi club: volevo rimanere per sempre nella stessa squadra”.

Articoli correlati