Totti straordinario, Mexes monumentale, una Roma a viso aperto in casa della Juve. Intanto i bianconeri si lamentano di Rizzoli…

La Roma esce imbattuta dall’infernale trittico di gare contro Lazio, Fiorentina e Juventus. Raccoglie sette importantissimi punti ma soprattutto torna di diritto tra le Big del campionato.

Il pareggio ottenuto a Torino contro la Juventus è frutto di una prestazione convincente, di una Roma tosta, determinata, autoritaria, che ha provato a fare la partita in casa dei bianconeri, andando immeritatamente in svantaggio per poi essere brava a trovare il pareggio, allo scadere del primo tempo. Non è stata cinica, però, e questo Ranieri lo ha rimarcato nel post partita. Come sottolineato da De Rossi, questa è comunque la strada giusta per fare una stagione da protagonisti. A tratti, i giallorossi hanno chiuso la Juve nella propria metà campo e, se Vucinic non avesse attraversato una delle sue serate negative, probabilmente il risultato sarebbe stato diverso.

Chi invece ha giocato una partita straordinaria è Francesco Totti. Immenso. Il capitano giallorosso ha corso per tutto il fronte offensivo, ha lottanto su ogni palla, ha sfornato assist a ripetizione, ha tentato più volte il tiro e ha realizzato il rigore che ha consegnato il pareggio alla Roma.

Avrebbe anche potuto moltiplicare il pane e i pesci ma non ne ha avuto il tempo. Come programmato, Ranieri l’ha infatti sostituito nel corso della ripresa in favore di Borriello. Si è spesso detto, anche a ragione, che i due non potessero coesistere ma, vista la serata negativa di Vucinic e la straordinaria condizione di Totti, si poteva fare un’eccezione.

Uscito il numero dieci giallorosso, la Roma ha faticato moltissimo a tenere palla in avanti e si è lentamente spenta.

Nel post partita, la Juventus si è invece lamentata per l’arbitraggio di Rizzoli, contestando il rigore assegnato ai giallorossi per una presunta difformità di giudizio con il mani di Boateng, nella gara tra Milan e Palermo. I bianconeri hanno anche protestato perché l’arbitro ha costretto un giocatore che perdeva sangue (Chiellini) a lasciare momentaneamente il campo. Curioso. Lo stesso Chiellini che nel primo tempo aveva abbattuto in area Mexes, senza che l’arbitro fischiasse nulla. Ma di questo, stranamente, nessuno a Torino si è lamentato.

[Alessandro Carducci – Fonte: www.vocegiallorossa.it]