A Cagliari 90 minuti di passione. Più recupero!

273 0

C’è un sapore particolare nelle sfide tra Napoli e Cagliari da quando gli azzurri hanno fatto ritorno in A dopo il calvario post-fallimento. Era il 26 agosto 2007 e gli isolani rovinaro il ritorno in A degli azzurri imponendosi al San Paolo con le reti di Matri e Foggia. Sembra una vita fa. Un annata in cui il Napoli, allora in mano a Reja, proprio non digerì il Cagliari andando a perdere anche la gara del ritorno al Sant’Elia in maniera più che rocambolesca.

L’INIZIO – Nel recente passato infatti le sfide in terra sarda hanno spesso avuto ribaltoni nel finale di gara. Il primo, incredibile finale, risale al 27 gennaio del 2008. Dopo il vantaggio di Hamsik il Napoli si vide rimontare nei minuti di recupero da Matri, prima di subire la beffa al minuto 95’ con Daniele Conti. Un finale convulso quello di quel giorno che generò scontri in tribuna stampa e registrò le immagini di un Cellino che rivolgeva parole affettuoso al popolo partenopeo.

CALMA APPARENTE NEL 2009 – Gara senza troppi sussulti quella del 19 aprile 2009 con il Cagliari che si aggiudica il match con una rete per tempo di Matri e Jeda.

IL CUORE DEL “BOGLIA” al 95′ – E’ datato 12 dicembre 2009 lo spettacolare match riacciuffato dagli azzurri nel finale al termine di uno scontro senza esclusione di colpi. Dopo il doppio vantaggio azzurro con Lavezzi, poi espulso nel finale per una pallonata ad allora tecnico cagliaritano Allegri, e Pazienza il Cagliari ribalta la gara con Larrivey, Matri e Jeda prima della rete al 5’ di recupero di Mariano Bogliacino per la gioia dell’incontenibile Lavezzi che evidentemente ha un conto aperto con gli isolani.

UN FULMINE NELLA NOTTE – Una gara praticamente finita, con i 3’ di recupero già scaduti ed una punizione pericolosa per il Cagliari. Questo in sintesi il ritratto dei secondi finale dell’ultimo match giocato dagli azzurri al Sant’Elia. Il resto è storia con Lavezzi che mangia il campo e batte con un gran destro Agazzi e regala al Napoli un successo insperato ed una vendetta trementa ai tifosi azzurri. Una notte memorabile, un successo dal peso specifico enorme per la carica che ha poi trasmesso agli azzurri.

VIETATO AI DEBOLI DI CUORE – Pronti quindi a scrivere un nuovo capitolo di questa sfida che può davvero definirsi infinita. Novanta minuti di passione ed oltre per il Napoli di Mazzarri. Occhio ai battiti…

[Arturo Minervini – Fonte: www.tuttonapoli.net]