A Milan e Juve serve un attaccante, a Inter e Napoli un difensore. E poi Cassano… è appena iniziato dicembre, ma il mercato è già partito

Sempre loro: attaccanti. Merce rara, e quindi preziosa. C’è una variabile impazzita (come Cassano) c’è una volontà da tenere in considerazione (quella di Balotelli). Li cercano in tanti, sia per ora (Juve e Milan per esempio subito a gennaio perché non si può perdere tempo o lasciare qualcosa al caso) sia per giugno (guarda l’Inter o la stessa Roma che rischia di veder partire Vucinic). E poi i difensori, quelli che ora servono di più a Inter e Napoli. Proprio Moratti ieri ha confermato che comprerà ma non per tappare i buchi. Vale a dire che il progetto Inter non cambia, nonostante le difficoltà. Al limite si anticipa. Ecco perché si continua a parlare con il Genoa. Ranocchia subito? Dipende dall’accordo che le due società troveranno. Sul tavolo, come sapete, molti nomi. Mariga, Santon, Biabiany. Moretti, Sculli, Palacio anche Criscito in un primo momento. Di margini per trattare ce ne sono eccome. Come c’è la possibilità di arrivare a prendere un giocatore insieme, come Ruiz dell’Espanyol. Così Ranocchia potrebbe finire tutto all’Inter, il Genoa avrebbe l’alternativa di valore già in casa. E Moretti (che Carboni ha già conosciuto) potrebbe arrivare lo stesso come jolly. Cena in vista, questo fine settimana…

Difficile che arriverà anche un centrocampista, anche perché in questo momento Thiago Motta sta recuperando molto bene. Inler e Asamoah, piacciono. Ma costano e l’Inter i soldi vuole tenerli per grandi colpi. Magari a giugno. E la pista sempre bianconera è Sanchez, che ora non si muove neanche per scherzo. A proposito di difensori, sempre ieri De Laurentiis ha detto che ne arriveranno a Napoli. Se per Ruiz c’è da vincere (come appena detto) la concorrenza dell’Inter, Riccardo Bigon al momento è in vantaggio su tutti gli altri per Ogbonna, del Torino. Mancino, può fare il centrale e (se serve) il terzino. In attacco Caracciolo è l’ultimo nome venuto fuori, per volontà dello stesso presidente Corioni. Il Brescia però deve ancora ricevere una chiamata da uno 081…

Evidentemente il mercato comincia ad entrare nel vivo perché la giornata è stata ricca di parole. La Juventus ha ricevuto proprio ieri l’ennesimo “no per ora” da parte del Catania per Maxi Lopez. A gennaio non si muove ha detto Pietro Lo Monaco. La Juventus non desiste, perché il giocatore piace molto e perché i rapporti fra le due società sono eccellenti. L’alternativa Berbatov al momento non è credibile, Adebayor è extracomunitario e ora non può arrivare. Lukaku, nuovo baby fenomeno costa moltissimo.

Paratici e Marotta stanno lavorando. Senza dimenticare che ora serve un attaccante in più ma che a giugno sempre in attacco qualcosa si muoverà (Gilardino o Pazzini, anche ieri in gol). E chissà che tra i nomi da valutare non salti fuori quello di Maccarone, che a Palermo non sta giocando (complice l’esplosione di tutti i ragazzi terribili, da Pastore a Pinilla) e che invece ha grandissime qualità. Magari potrebbe solleticare anche l’interesse del Milan che una punta la sta cercando ma che per conferma dello stesso Galliani (sì, anche lui ieri ha parlato!) non sarà Matri perché il Cagliari l’ha ritenuto incedibile.

In realtà il pensiero rossonero è tutto per Mario Balotelli. Finalmente anche la società esce allo scoperto dopo che a lungo era stato proprio SuperMario a lanciare segnali d’amore al Milan. Difficilmente sarà per gennaio, ma ormai non manca molto per l’assalto finale. Intanto il Milan continua a guardarsi intorno, legge su GQ che anche Giuseppe Rossi tifa Milan e aspetta le decisioni di Ronaldinho. Ma l’attesa più dolce (per noi giornalisti non certo per lui) è per Cassano. I bookmakers dicono che andrà al Palermo. Conviene continuare a scommettere…

[Luca Marchetti – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]