Allegri: “Dobbiamo ripetere la gara giocata in Olanda domani ed evitare di prendere gol”

logo-milanDimenticare Verona, immergersi in Champions per accedere alla fase a gironi e ritrovare la propria anima e il proprio spirito. Il Milan di Massimiliano Allegri attende gli olandesi del PSV in quel di San Siro per centrare il primo obiettivo stagionale: l’accesso alla fase a gironi di Champions. Una partita che riserva molte insidie e che deve essere banco di prova per i rossoneri dopo il disastro di Verona. Urgono delle risposte e delle certezze. Il ritorno dei play-off può essere un ottimo trampolino di lancio per cercare di indirizzare la nuova stagione su nuovi binari. Ecco, di seguito, le dichiarazioni di mister Allegri in conferenza stampa al fianco del capitano Riccardo Montolivo:

Allegri sul Play-Off di Champions: Non dovrà mancare l’atteggiamento. Sappiamo dell’importanza della partita. Affrontiamo una squadra che gioca un buon calcio. Ci hanno creato delle difficoltà ad Eindhoven. Dobbiamo ripetere la gara giocata in Olanda domani. L’unico modo sicuro per passare il turno è non prendere gol”.

Allegri sull’atteggiamento della squadra: “Contro una squadra che crea molto non possiamo giocare una partita difensiva. Giochiamo in casa e ci sarà la spinta del pubblico”.

Montolivo sulla sfida di Verona: “Siamo delusi e arrabbiati con noi stesso. C’è una grande voglia di vincere e di dimostrare che non siamo quelli di sabato”.

Allegri sul PSV: “Loro vogliono sempre giocare la palla. Non importa se giocano in casa o fuori”.

Montolivo sugli alti e bassi del Milan: “Credo che la stagione scorsa dobbiamo metterla da parte. Nel girone di ritorno abbiamo avuto una continuità che deve essere la trama migliore di questa stagione. A Verona abbiamo sbagliato tutto: atteggiamento, responsabilità, maturità. C’è poco di cui parlare. Dobbiamo dimostrare sul campo perché nel calcio è l’unica cosa che conta”.

Montolivo sul mercato: “Questi aspetti non ci competono. Noi dobbiamo pensare solo all’avversario. Credo che dobbiamo giocare per il nostro orgoglio. Non siamo quelli di sabato. Vogliamo giocare la Champions. Al di là delle dinamiche di mercato penso che dobbiamo tirare fuori qualcosa da dentro”.

Montolivo sul gruppo: “C’è grande responsabilità. Sappiamo cosa vuol dire la partita di domani sera. Dobbiamo pensare a questo senza perdere la serenità della partita. Dobbiamo avere la giusta lucidità. Sappiamo che differenze ci sono tra Champione ed Europa League”.

Allegri sul salto di qualità del Milan: “Non bastano 90′. E’ una partita importante, ma non basta. La squadra deve giocare come ha sempre fatto. Si può sbagliare partita tecnicamente e tatticamente, ma non con un atteggiamento del genere. Ci sarà da soffrire e da lottare. Sono le regole del calcio. Non si può pensare di vincere le partite giocando solo di fioretto. Ne vale del prestigio di tutti”.

Allegri su Robinho: “Robi è un giocatore di grande classe. Peccato che si è fermato quando stava bene. Non ha i 90′ nelle gambe. Valuterò se portarlo in panca o schierarlo titolare”.

Allegri sulle risate di Balotelli, Niang ed El Shaa all’inizio del secondo tempo di Verona: “Ogni tanto cadiamo in degli errori. Fa parte della crescita. Sicuramente ci sarà stato un errore anche da parte mia. Nei 3 anni di Milan è la prima volta che i ragazzi hanno questo atteggiamento. Ci sono stati degli errori di lettura della partita. Sono cose che bisogna migliorare. Dobbiamo avere sempre un atteggiamento positivo. Non dobbiamo essere presuntuosi perché è sinonimo di ignoranza. Fa parte della crescita di alcuni ragazzi giovani. Da giovani, però, si diventa vecchi senza aver combinato nulla”.

Montolivo sul ruolo di capitano: “L’atteggiamento è qualcosa di imprescinbibile. Non può mancare. Sono arrabbiato, siamo arrabbiati. Giovani? Sabato c’è poco da differenziare. Siamo stati tutti non all’altezza, io il primo. Da qui bisogna partire”.

Allegri sul suo atteggiamento al termine della sfida contro il Verona: “Ognuno ha il proprio atteggiamento. Quando sono in panchina riesco a ricordare tutto ciò che succede. In quel momento lì sono due le cose: o entri in campo e fai la strage o con tranquillità affronti il problema. Questo non vuol dire che la squadra domani sera deve essere nervosa. Questi ragazzi hanno fatto un ottimo precampionato, hanno giocato bene ad Eindhoven. Ci sono delle partite che possono essere perse, ma non con questo atteggiamento”.

Allegri sulla possibilità di cambiare modulo rispetto all’andata: “A livello tattico e tecnico dovremo fare meglio dell’andata, ma non cambieremo molto. Attaccare qualcuno al muro? No, non serve a nulla. Ho a disposizione ragazzi responsabili. Da questi errori bisogna trarre il positivo cercando di non ripeterli più”.

Montolivo sul caso Ljajic: “Non conosco bene la vicenda e alla vigilia di una partita così importante mi interessa poco”.

Allegri sui difetti della difesa del Milan: Che abbiamo commesso degli errori da migliorare è vero. L’anno scorso nella seconda parte di stagione abbiamo preso solo 3 gol di testa. Per non prendere gol dobbiamo avere un atteggiamento più attento e molto più aggressivo. La partita di Verona ci servirà per tutta la stagione”.

Montolivo sulla difesa: “Prendere gol non dipende dalla difesa, ma dagli altri reparti. Vogliamo cambiare registro fin da domani”.

Allegri su Robinho: “Robi ha fatto due mezzi allenamenti con noi. Impensabile potesse avere 30-35 minuti nelle gambe. Ha fatto anche delle buone cose. La qualità di Robinho non è cosa nuova. E’ un giocatore che al Milan ha fatto molto bene. Ha voglia di rivalsa. Peccato per l’infortunio”.

Allegri sul mercato del Milan: “Dalla partita di domani passa il mercato del Milan”.

Allegri su Balotelli: “La sua è stata una partita particolare. Per tutta la settimana ci sono state ipotesi sul fatto che durante la partita ci potessero essere delle situazioni poco gradevoli. Ha dovuto giocare anche una partita mentale. Quando dico queste cose mi rivolgo a tutta la squadra. I giovani hanno spazi di crescita superiori agli altri. Quello che conta è il rettangolo verde. É lì che vieni giudicato. Poi, tutto il resto, sono chiacchiere. Ad Eindhoven ha preso la traversa, ha lottato, ha fatto bene. Sabato ha servito un assist a Poli, ma questo non deve bastare. Né a lui né a noi. Siamo tra i più giovani in Italia, ma bisogna pedalare. Bisogna migliorare sotto l’aspetto tattico come squadra e tecnico individualmente”.

Montolivo sul suo ruolo al Milan: “Sono tra i più vecchi e quindi devo dare una mano anche a livello mentale. Dobbiamo cambiare subito certi atteggiamenti. Insieme ad altri miei compagni cercheremo di cambiare questo aspetto”.

Allegri sull’importanza dell’esperienza in partite del genere: “Conta e non conta. Ho molta fiducia sulla squadra che ho a disposizione. Abbiamo perso Flamini e Ambrosini, ma abbiamo Poli. Saponare non sta bene. Non è questione di esperienza. Domani affrontiamo una squadra più giovane di noi. Dobbiamo creare presupposti per passare il turno, ma i ragazzi non tradiranno le aspettative di tutti: mie, delle società, dei tifosi”.

Montolivo sul play-off di Champions: “É sempre difficile. Sapevamo sarebbe stata una partita difficile. L’esito? Ci rendiamo conto di quando sia importante e di quanto può cambiare il destino di una stagione”.

[Carmine D’Avino – Fonte: www.ilveromilanista.it]