Ancora una volta il Genoa messo in difficoltà da una squadra tutta contropiede e velocità

«Volli, volli e fortissimamente volli». Stasera il Genoa ha imitato Vittorio Alfieri e ha vinto con la forza dei nervi: onore al Grosseto che ha giocato un’ottima partita in contropiede. Ai toscani è mancato il colpo del ko con le numerose occasioni mancate. Occorre essere intellettualmente onesti: c’era anche un rigore per i toscani quando al 18° del secondo tempo Allegretti è stato spinto in area da Moretti. I biancorossi hanno messo a nudo le problematiche rossoblù: a cominciare dalla mancanza di copertura a centrocampo. Un difetto che è reso ancora più evidente dagli avversari che giocano in velocità: è accaduto col Chievo, si è ripetuto a tratti col Bari, lo si è confermato col Grosseto. Zuculini-Kharja non è una coppia proponibile in campionato: nessuno dei due difende.

Visto che Milanetto-Kharja non rende e che forse Kharja-Veloso ha dato qualche risultato, resta soltanto l’ultima possibile combinazione Veloso-Zuculini: ma ogni discorso è accantonato visto che il portoghese è infortunato. Il presidente Preziosi si è giustamente arrabbiato: forse sarebbe opportuno un chiarimento con il tecnico per capire se occorre prendere un centrocampista muscolare a gennaio. Uno che per intenderci riesca a bloccare registi-campioni come Pirlo e Pizarro, ma anche un meno noto Alessandro: se questa categoria di giocatori non è controllata a vista da un marcatore fisso allora sono guai veri.

Altro difetto che ho già evidenziato in precedenza: il Genoa compie la classica “fatica di Sisifo” per attaccare, riuscendo a concretizzare ben poco. Anzi, riesce a essere incisivo solo quando l’avversario è cotto: cosa accaduta puntualmente anche stasera. Finalmente ha convinto la linea d’attacco: nonostante i problemi di gioco, Toni, Destro, Rudolf e Palladino sono riusciti a mettere sotto pressione la difesa avversaria.

Adesso domenica arriva a Marassi il Catania, squadra molto tignosa da prendere con le molle: il venerdì successivo si giocherà al Tempio contro l’Inter. Sono due gare casalinghe molto impegnative per il Genoa attuale: riuscirà il “grande timoniere” Gasperini a riportare la corazzata rossoblù sulla rotta giusta?

[Marco Liguori – Fonte: www.pianetagenoa1893.net]