Arriva la Reggina, Livorno in svantaggio negli scontri diretti. Si avvicina Corradi

236 0

Livorno – Il derby cromatico fra Livorno e Reggina è andato in scena, fra Serie A, B e C, ben 40 volte e il bilancio è favorevole agli amaranto calabresi, che finora hanno vinto 17 volte e pareggiato in 12 occasioni, mentre le vittorie degli amaranto livornesi sono state 11. A favore della Reggina anche il numero delle reti segnate: 40 contro le 31 siglate dal Livorno. L’ultimo scontro diretto vinto dagli amaranto di Calabria all’Ardenza, oggi stadio Picchi, risale al campionato 1969-70, in Serie B, quando i reggini si imposero per 1 a 0 con una rete di Vallongo. Era il 4 gennaio 1970 e alla guida tecnica del Livorno, quel giorno, debuttò Picchi, il quale non avendo il patentino, e non avendo ancora la deroga dalla Federcalcio, guardò il match da una finestra degli spogliatoi. Con Picchi in panchina, poi, il Livorno ottenne una serie ragguardevole di risultati utili e alla fine si piazzò a ridosso delle migliori formazioni di quel torneo cadetto. In anni più recenti Livorno e Reggina si sono comunque affrontate anche in Serie A. L’ultima sfida nella massima divisione si è disputata il 19 marzo 2008, campionato 2007-08, e si concluse 1 a 1 con reti di Brienza per i reggini e pareggio di Bogdani per gli amaranto in quel periodo affidati a Camolese. Il Livorno, al termine di quel campionato, retrocesse in Serie B.

CORRADI – Il suo nome ogni tanto ritorna. Bernardo Corradi, toscano di Siena, 35 anni, è in cerca di una sistemazione e il Livorno è fra le squadre che potrebbe offrirgliela. Ex attaccante di Lazio e Udinese, come anticipato nelle scorse settimane da Amaranta.it, è stato contattato dalla società amaranto, che adesso potrebbe metterlo sotto contratto. Sulle sue tracce, tuttavia, c’è anche il Bari. Lui, in più di un’occasione, ha detto di voler giocare ancora e di stare bene fisicamente. Ma il punto fondamentale è che il club che gli proporrà un contratto, oltre che essere di Serie A o B, dovrà avere un progetto serio e stimolante. E il Livorno sembra averlo.

[Tony Faini e Marco Ceccarini – Fonte: www.amaranta.it]