Balbo: ”Cesena, trasferta insidiosa. E Behrami…”

Per parlare ancora del pareggio tra Fiorentina-Roma e per cercare di capire quali saranno le dinamiche future dei viola (domenica insidiosa trasferta a Cesena), alle prese con l’obiettivo Europa League, Violanews.com ha contattato in esclusiva l’ex attaccante della Fiorentina Abel Balbo.

Partiamo da Fiorentina-Roma e da un risultato che forse penalizza un po’ la squadra di Mihajlovic.
“In effetti vedendo la partita la Fiorentina ha giocato meglio rispetto ai giallorossi: gli episodi hanno penalizzato la squadra di Mihajlovic, penso alla traversa di Mutu, penso all’altra traversa di Vargas, prima del secondo gol di Totti”.

È una Fiorentina che comunque ha recuperato il gioco.
“Questo è un aspetto importante, adesso i viola giocano bene e quindi hanno più consapevolezza nei propri mezzi. Inoltre l’ambiente è più tranquillo, Firenze sa che può spingere i giocatori verso l’Europa e allora sostiene la squadra, come ha fatto in occasione della sfida con i giallorossi: c’era un tifo incredibile…”.

Oltre al gioco, è tornato Mutu.
“Mutu deve ancora fare tanto per farsi perdonare, nel passato è stata l’arma in più di questa squadra, vedremo se ancora una volta – quando i vari Vargas, Gilardino hanno una giornata storta – ci penserà lui a risolvere la situazione”.

A Cesena che partita si aspetta?
“Sarà una gara non facile, il Cesena adesso sta meglio fisicamente, ha passato mesi molto difficili ma adesso è un’altra squadra. Non è più il Cesena di inizio stagione però la Fiorentina dovrà fare attenzione, una sconfitta potrebbe cancellare definitivamente le ultime speranze per l’Europa”.

L’assenza di Behrami però è di quelle pesanti.
“E’ uno stop che costringe Mihajlovic a qualche cambiamento dal punto di vista tattico, è un peccato perché la Fiorentina con Behrami aveva trovato un equilibrio importante. Mancherà nelle gare decisive anche se sono convinto che proverà a fare il miracolo, a rientrare cioè con la Juve, nella gara che può davvero decidere la stagione”.

Mihajlovic sarà confermato, scelta giusta?
“Mihajlovic va giudicato solo nella seconda parte di campionato, quando ha avuto a disposizione i giocatori e direi che ha fatto bene, quindi il progetto può andare avanti con lui. Con il tempo ha cambiato modo di giocare, con un anno in più di esperienza alle spalle, sono convinto che può ancora migliorare. Ma, ripeto, da gennaio ad oggi il bilancio è già positivo”.

[Niccolò Gramigni – Fonte: www.violanews.com]