Barcellona, De Jong: “Non sono del tutto soddisfatto della mie prestazioni”

60

Barcellona, De Jong: "Non sono del tutto soddisfatto della mie prestazioni"

Le parole del centrocampista olandese del Barcellona nel corso di un’intervista rilasciata ai canali ufficiali del club catalano.

BARCELLONA – Frankie De Jong, centrocampista del Barcellona da questa stagione, ha rilasciato un’interessante intervista sui canali ufficiali del club catalano. Queste le sue parole a cominciare dal tempo trascorso in questi giorni difficili: “La situazione è particolare, si può uscire solo per andare a lavorare. La mia giornata tipo? Faccio colazione, vado a fare una passeggiata con il cane, mi alleno sul tapis roulant, facendo addominali e pesi. Faccio tanto allenamento”. Poi, spazio al calcio giocato e alla sua stagione con il Barcellona. De Jong non è del tutto soddisfatto di alcun prestazioni individuali: “Ho giocato molto partite, nel primo anno non è facile. Non sono del tutto soddisfatto del mio rendimento: partite contro il Borussia Dortmund e l’Inter le abbiamo giocate bene, in altre invece sono stato pessimo”.

Parole anche per i compagni di squadra a partite dal giovanissimo Ansu Fati, la vera rivelazione del calcio Mondiale in questa stagione: “E’ quello che mi ha sorpreso di più, quando ha iniziato ad allenarsi con noi non lo conoscevo. Ha talento e qualità”. Sul rapporto con club e compagni ha aggiunto: “Mi mancano i miei colleghi e i miei amici. A nessuno piace stare a casa, spero di poterci incontrare presto. Lo staff mi manda un programma, ogni giorno gli spiego come sto e cerco di mantenere l’umore migliore possibile. Rapporto con i compagni? Mi trovo bene con tutti, non riesco a sceglierne uno in particolare. In questo periodo ci sentiamo tramite le applicazioni come WhatsApp ed House Party”. L’olandese non ha nascosto il suo amore per la città catalan: “Mi trovo molto bene, c’è la spiaggia, la montagna… Questa città ha tutto. Sto migliorando il mio spagnolo. È meglio studiare faccia a faccia con un insegnante piuttosto che farlo da soli”.

Infine una battuta sulle magliette degli avversari:Ho quella di Lucas Moura del Tottenham, di Mbappé del PSG e la terza è dell’Olanda, che risale ad una partita tra Olanda e Argentina. Un’altra che ho è quella di Mandžukić”.

Articoli correlati