Bari: torna Kutuzov, recupero record

Il ritorno del Generale. Vitali Kutuzov, dalla Russia (quella bianca) con furore, è miracolosamente guarito dall’infiammazione al tendine di Achliie che lo aveva costretto al forfait dall’impegno internazionale con la rappresentativa bielorussa e si ricandida prepotentemente per una maglia di titolare nel delicato incontro di domenica sera, che vedrà il Bari impegnato al San Nicola contro la Lazio di Eddy Reja.

Una buona, anzi, un’ottima notizia per Giampiero Ventura, che potrebbe così ricomporre quello che al momento, pare essere il miglior tandem d’attacco del Bari, ovvero Barreto-Kutuzov. Il trentenne centravanti di Pinsk è, tra gli attaccanti a disposizione del tecnico ligure, quello che meglio riesce ad interpretare il ruolo di spalla del brasiliano Barreto: i due si intendono a meraviglia ed anche il numero 10 carioca non fa mistero di preferire il Generale come partner offensivo.

In più, come spesso spiegato dal tecnico, Kutuzov sa muoversi molto bene tra le linee di centrocampo e di difesa avversarie e sovente riesce a farsi trovare libero di ricevere palla in quella posizione e agire da vero e proprio regista offensivo dei biancorossi. E poi Vitali è bravo nel sacrificarsi in un prezioso lavoro di pressing sugli avversari nella fase di prima impostazione dell’azione offensiva, che talvolta lo porta a rubare palloni e avviare insidiose ripartenze per la compagine barese.

Un rientro importante dunque, sotto tutti i punti di vista. Magari il bielorusso non farà sfracelli sotto porta, e a conti fatti il suo apporto in termini di gol è certamente inferiore a quello del suo compagno di reparto Castillo (sono 6 le reti realizzate in biancorosso dal bielorusso in 33 gare disputate, contro le 4 messe a segno dall’argentino in 14 incontri giocati); tuttavia, la sua capacità di far salire la squadra, la perfetta intesa con Barreto e il gran lavoro di raccordo a cui si sottopone, fa di Kutuzov un elemento pressoché insostituibile nel 4-4-2 di Ventura. Al punto da aver ormai costretto il tecnico ligure, ad impiegare in pianta stabile uno come Abelkader Ghezzal sulla corsia di sinistra, pur di farlo giocare con continuità.

Con ogni probabilità, dunque (salvo imprevisti dell’ultima ora), il Bari contro la Lazio sarà guidato nuovamente dal suo Generale: l’imperativo per i galletti sarà senz’altro dimostrare di aver archiviato mentalmente l’irritante sconfitta di Genova e far tornare a muovere la classifica. Non sarà facile al cospetto dei lanciatissimi Mauri, Floccari (entrambi reduci dalla convocazione in Nazionale), Zarate ed Hernanes, ma per lo meno, con un Kutuzov in più nel motore, c’è da giurare che anche i difensori biancazzurri domenica sera avranno i loro bei grattacapi.

[Mauro Solazzo – Fonte: www.tuttobari.com]