Calcio Scandinavo pronto a partire: stilato il nuovo calendario

295

UEFA

Dal via libera rigido delle Isole Far Oer il 9 maggio al piano di ripartenza del calcio scandinavo

Quando tutto in Europa sembra ancora essere incerto il calcio scandinavo è pronto a ripartire anche se molto è dovuto al fatto che gran parte di questi campionati per ragioni climatiche inizia in primavera. In Danimarca il campionato, la Superligaen, era stata sospesa il 9 marzo a due giornate dal termine della regular season; secondo quanto dichiarato dal governo danese la data di ritorno sarà il 29 maggio 2020.

Il primo campionato scandinavo ed europeo a ripartire in assoluto, però, sarà quello delle Isole Far Oer, che riprenderà il 9 maggio 2020. Il via libera della federazione è stato però assoggettato a delle misure severissime come il pallone disinfettato, l’ obbligo di non sputare, borracce nominative e spogliatoi differenziati e singoli.

Il board del campionato finlandese la Veikkausliiga, invece, ha ufficializzato l’inizio della competizione il primo luglio per poi concludersi entro il 21 novembre. Il governo ha comunque disposto delle misure molto severe come la capienza massima degli stadi finlandesi fissata in 400 persone con gli allenamenti collettivi consentiti solamente da giugno.

La Norvegia, non ha indicato una data di inizio del proprio campionato l’Eliteserien. Come tutti i campionati del nord anche l’Eliteserien ha il suo inizio in primavera, secondo indiscrezioni le autorità dovrebbero autorizzare l’avvio a cavallo tra fine giugno e inizi luglio, dato che i casi risultano in calo e il lockdown dovrebbe terminare a metà giugno.

La federazione svedese, L’Allsvenskan, tenuto conto dei dati e delle decisioni governative, punta a far cominciare il calcio svedese domenica 14 giugno. Il portavoce della federazione ha anche confermato non solo l’obiettivo di far ripartire gli allenamenti a fine maggio, ma anche annunciato di voler far giocare le partite a porte aperte, decisione in netta controtendenza con quelle del resto d’Europa.

In Islanda, dove il 97% dei malati risulta guarito, la Úrvalsdeild riprenderà ad allietare gli islandesi molto presto. Le squadre già dal 4 maggio hanno avuto il permesso di allenarsi in seduta collettiva. Il calendario non è stato ancora stilato ma fonti vicine al board islandese comunicano che l’obiettivo convinto della federazione sarebbe per metà giugno al pari di gran parte dei campionati scandinavi.

Articoli correlati