Campedelli: “Basta con chi pensa solo a distruggere il Cesena”

“Per una maglia da onorare, i rinforzi devono arrivare” è la scritta dello striscione che si vede nella foto, esposto davanti alla tribuna dello stadio Manuzzi dove questa mattina si è svolta la conferenza stampa del presidente Igor Campedelli che ha parlato delle contestazioni seguite al dopo derby e ha dato alcune indicazioni sul prossimo mercato di gennaio.

Contestazioni. “Basta – ha tuonato il presidente – sono stanco di sentire le voci di qualche personaggio che era in naftalina (Campedelli non fa però nomi, ndr) che vuole solo distruggere il Cesena. Basta con i soliti discorsi secondo cui intanto la società vuole retrocedere o che a gennaio si venderanno i giocatori migliori per fare cassa. Basta con questi pregiudizi.

Capisco la contestazione “di pancia” del tifoso deluso e amareggiato che sente il Cesena dentro, perché anch’io sono stato tifoso, ma mi dispiace per quelle contestazioni che hanno solo lo scopo di creare confusione e turbativa attorno al Cesena. Io sono pronto a mettermi in discussione, ma io non mollo. Come società faremo di tutto per salvare il Cesena e dargli un futuro dignitoso, anche se non è cosa facile come dimostrano esempi tangibili non lontani da noi (vedi Bologna, ndr).”

Ficcadenti. Campedelli che spiegato le ragioni della conferma di mister Ficcadenti, nonostante la pessima prova contro il Bologna: “Lo spogliatoio è unito e, derby a parte in cui abbiamo completamente sbagliato gara, questo allenatore ha dato un’identità di gioco alla squadra. Cambiare per cambiare, solo per accontentare qualcuno, avrebbe significato non avere un’idea e fare un passo indietro”.

Mercato. Sul mercato di gennaio il presidente ha garantito che “dovrà servirci per migliorare la squadra, anche se non è sempre facile dire ci serve tizio e allora prendiamo tizio, perché non è solo una questione economica, ma anche di disponibilità del giocatore. In particolare ci servono un difensore centrale e forse un terzino (considerato che per tutto gennaio si rischia di perdere Nagatomo, impegnato con la Nazionale, ndr), un centrocampista, che può essere un mediano basso o una mezzala, e un attaccante. Non sono invece previsti grossi movimenti in uscita e sicuramente non se ne andranno i pezzi più pregiati (Parolo e Giaccherini, ndr). Schelotto? Scalpita come un puledro di razza e il fatto che abbia cambiato da poco procuratore potrebbe fare pensare. In ogni caso a me il giocatore non ha chiesto di andare via e da parte della società non c’è intenzione di metterlo sul mercato”.

[Giovanni Guiducci – Fonte: www.tuttocesena.it]