Caso Floyd, Lewis Hamilton contro il silenzio dei suoi colleghi in F1

440

f1 mercedes

Il sei volte campione del mondo, attraverso numerose storie pubblicate su Instagram, ha criticato il silenzio dei suoi colleghi in Formula 1.

LONDRA – Lewis Hamilton contro i suoi colleghi. Il sei volte campione del mondo, attraverso numerose storie pubblicate su Instagram, ha criticato aspramente l’atteggiamento del mondo della Formula 1 sul caso Floyd, l’uomo di colore ucciso da un poliziotto a Minneapolis senza un motivo. Queste le parole del pilota della Mercedes: “Vedo quelli di voi che stanno in silenzio, alcuni di voi, le più grandi star, eppure state in silenzio in mezzo all’ingiustizia. Non c’è un segno di nessuno nel mio settore, che naturalmente è uno sport dominato dai bianchi. Sono una delle uniche persone di colore, eppure sto in piedi da solo. Avrei pensato che a questo punto avresti già capito perché sta succedendo e avresti detto qualcosa a riguardo, ma non puoi stare al nostro fianco. Sappi solo che so chi sei e ti vedo”.

Hamilton ha, poi, aggiunto: “Non ci potrà essere pace finché i nostri cosiddetti leader non faranno un cambiamento. Questa non è solo l’America, questa è la Gran Bretagna, questa è la Spagna, questa è l’Italia e tutto il resto. Il modo in cui le minoranze sono trattate deve cambiare, come si educa il proprio paese all’uguaglianza, al razzismo, al classismo, e che siamo tutti uguali. Non siamo nati con il razzismo e l’odio nei nostri cuori, è insegnato da coloro che ammiriamo”. E infine: “Voglio davvero, in qualche modo, essere parte del cambiamento di forma della Formula 1, lavorando in collaborazione con la Formula 1 e la FIA. Non so perché non ci siano abbastanza studenti universitari, ingegneri, meccanici e anche tra i media, persone provenienti da contesti più differenti. Non lo so, è sempre stato così oggi, ma vedo una reale opportunità di partecipare a questo cambiamento di forma. Così, tra vent’anni, voglio guardarmi indietro e, se mai sentissi qualcuno bisbigliare, direbbero che ho fatto parte del cambiamento”.

Articoli correlati