Catania: in avanti Bergessio, Potenza al centro

CATANIA Acquietatisi, per il momento, gli spiriti frondisti, il carrozzone della massima serie calcistica si appresta a montare il suo spettacolo ed a ripopolare gli stadi ( ed i salotti) italiani. E’ altresì tempo di verificare la bontà delle campagne acquisti e lo stato di forma delle differenti compagini. Il differimento della prima giornata di campionato permette al Catania di esordire in casa contro il Siena, neopromossa nel massimo campionato e candidata a lottare per cercare di mantenere quest’importante conquista sportiva.

Come consuetudine da alcuni mesi, proviamo a schierare quella che ci appare come la migliore formazione attuale, anche in rapporto agli esiti degli “esperimenti” condotti dal nuovo allenatore Montella nel corso delle recenti partite amichevoli.

Per difendere la porta rossazzurra scegliamo ancora una volta Mariano Andujar, chiamato quest’anno a confermare quanto di buono ha dimostrato negli anni precedenti ed a proporre una continuità di rendimento che è stata une delle sue pecche maggiori nelle passate stagioni.

Montella proporrà sicuramente una difesa a quattro e, stante l’indisponibilità del nuovo acquisto Legrottaglie, chiamato a compensare la cessione di Silvestre, e le condizioni non ottimali di Capuano, le scelte restano alquanto obbligate.

Al centro della difesa proponiamo Spolli e Potenza, con quest’ultimo chiamato a ricoprire un ruolo al quale non è del tutto estraneo, anche se al “Massimino” lo si è visto quasi sempre occupare la fascia destra del settore difensivo. Quest’ultima la affidiamo ad Alvarez, confidando nelle buone doti dell’argentino che dovrà sfatare il suo personale tabou delle partenze “lente” in campionato. Sul settore opposto, al momento, è Ciro Capuano a dare maggiore affidamento. Se il campano non dovesse farcela, sarà necessario puntare su Marchese o spostare Alvarez sulla sinistra con Potenza che andrebbe a rilevare il suo ruolo ed inserire Bellusci a far coppia con Spolli al centro della difesa. Personalmente propendiamo per quest’ultima soluzione, confidando comunque in un recupero di Capuano.

A centrocampo si apre un ventaglio di possibilità, benchè non tutti gli uomini a disposizione del mister siano al meglio delle condizioni fisiche. Per quanto ci riguarda optiamo per un centrocampo a tre molto mobile e capace di volta in volta di contrastare il reparto avversario e far ripartire la manovra. Nell’attesa della disponibilità di Paglialunga, scegliamo Biagianti per ereditare il ruolo che fu di Carboni e lo affianchiamo alla coppia Almiron-Ricchiuti con il primo chiamato a collaborare con il fiorentino nel far da collante tra il reparto centrale e quello difensivo.

In attacco le due scelte obbligate sono Lopez e Gomez, in grande spolvero nelle amichevoli precampionato. Per il posto restante scegliamo il redivivo Bergessio, memori delle buone prestazioni offerte nella stagione appena trascorsa.

Catania (4-3-3): Andujar, Alvarez, Potenza, Spolli, Capuano, Biagianti, Almiron, Ricchiuti, Gomez, Lopez, Bergessio.

In panchina: Campagnolo, Bellusci, Paglialunga, Lodi, Sciacca, Suazo, Lanzafame.

[Angelo D. GiuffridaFonte: www.mondocatania.com]