Chievo Verona-Parma 1-2: Lucarelli al fotofinish, i crociati respirano aria d’Europa

logo-parmaVERONA – Adesso si vola davvero … Non è un sogno, è realtà.  Il Parma ha espugnato anche il campo del Chievo Verona ed è momentaneamente salito, in attesa del posticipo di stasera tra Hellas Verona e Milan, sul sesto gradino della classifica appaiato al Torino. Con il terzo successo consecutivo, dopo quello casalingo contro il Torino e quello in trasferta a Livorno, la squadra crociata, al nono risultato utile di seguito, ha raggiunto quota ventinove punti.

La vittoria allo stadio Bentegodi, seppur ottenuta all’ultimo minuto di recupero e dopo esser passati in svantaggio al 15’ per opera dell’ex Alberto Paloschi con un tap-in in posizione dubbia, è stata ampiamente meritata, perché esito di una gestione della gara sempre sicura, certa e convinta. I numeri dell’andamento dell’incontro parlano chiaro così come il palo colpito da Marco Parolo al 2’, il rigore non trasformato (parata di Christian Puggioni) da Amauri al 23’ e la traversa in semirovesciata centrata dalla stessa punta al 39’.

L’affermazione è stata griffata dalla classe di Antonio Cassano, che ha permesso di conferire il tocco vincente a una condotta lineare e senza sbavature del collettivo. Il numero 99 dei crociati è stato l’autore del pareggio, al 27’, con un gol che si è costruito da solo, terminato con un imprendibile tiro di destro radente terra calciato dai ventitre metri della lunetta dell’area clivense, dove si era portato la palla grazie alla rapidità dei propri movimenti.

FantAntonio, nell’ultimo minuto di recupero, si è poi inventato uno spettacolare assist di tacco a servizio di capitan Alessandro Lucarelli in discesa sulla fascia sinistra, che è entrato in area e di mancino, a tu per tu con il portiere del Chievo, lo ha freddato depositando la sfera al di là della linea. Vittoria di classe e cuore. Per un’esultanza di corsa sotto le bandiere gialloblu e crociate che sventolavano nel Settore Ospiti del Bentegodi. Per un volo che non si arresta. I piani alti della graduatoria, adesso, sono davvero lì. Non è un sogno, è realtà.

[Sito Ufficiale Fc Parma – Fonte: www.fcparma.com]