CONI, Malagò: “Tifo per la ripartenza del calcio ma serve un piano B”

43

Malagò

Le parole del presidente del CONI Giovanni Malagò nel corso di un’intervista rilasciata all’edizione odierna della Gazzetta dello Sport.

MILANO – Giovanni Malagò, presidente del CONI, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport affrontando anche il tema della ripartenza del calcio. Queste le sue parole: “Sono il primo a fare il tifo perché il calcio riprenda. Ma dopo pochi giorni alla parola calcio si è sostituita la parola Serie A. Dilettanti e Lega Pro, hanno capito abbastanza presto che con certe dinamiche di protocollo non erano in condizioni di riprendere. La Serie B ha votato da poco per ricominciare. Da mesi insisto: puntiamo a ripartire ma non essendo possibile fare previsioni di lunga scadenza, viste tutte le variabili esistenti, deve esistere anche un piano B. Non averlo è un errore”.

Su Play-off e Play-out ha aggiunto: “Mi risulta che non tutti siano d’accordo. Voglio sia chiaro che il Coni ha solo interesse se il calcio, o meglio la Serie A, riesce a risolvere i problemi. Le mie non sono invasioni di campo come qualcuno le ha definite: ho un atteggiamento propositivo, non critico”.

Sul taglio degli stipendi ha dichiarato: “Capisco le esigenze delle società, fossi un presidente di club cercherei anch’io di decurtare parte delle mensilità sospese, ma come affronti questo argomento se fino a metà marzo i giocatori hanno giocato, ad aprile dovevano essere a disposizione, a maggio si allenano e a giugno, luglio e agosto devono giocare? C’era la volontà da parte delle categorie di trovare un accordo, ora ognuno va a alla spicciolata: chi strappa un mese, chi due. Non c’è stata programmazione”.

Articoli correlati