Conosciamo Andrea Ranocchia, il pilastro della difesa del futuro

Anche se per vederlo con la maglia nerazzurra dovremo aspettare il prossimo giugno, oggi cominciamo a farne la conoscenza. Anche perché in fin dei conti parliamo di un giocatore che, nelle intenzioni del club, rappresenterà una delle colonne portanti del futuro nerazzurro, e che quest’anno farà ulteriore esperienza con la maglia del Genoa, anche per testarne l’effettivo recupero dopo il grave infortunio che gli ha fatto saltare lo scorso girone di ritorno, dopo un’andata spettacolare, per poi lanciarlo definitivamente in orbita nerazzurra. Parliamo, come avrete capito, di Andrea Ranocchia, il difensore centrale del quale oggi l’Inter ha annunciato l’acquisto in comproprietà col Genoa, e che si è legato con un quinquennale alla Beneamata.

Andrea Ranocchia nasce il 16 febbraio 1988 a Bastia Umbra, fa la trafila delle giovanili del Perugia di Gaucci fino a quando la società fallisce e lui viene ingaggiato dall’Arezzo. Con la maglia amaranto, a 18 anni appena, fa il suo esordio in Serie B; in breve tempo saprà ritagliarsi un suo spazio importante, chiudendo la stagione con 24 presenze e un gol all’attivo. Rimarrà in Toscana anche la stagione successiva, in C1, poi, nell’estate del 2008, viene acquistato dal Genoa, che lo girà in prestito al Bari. Arrivato in sordina, sarà una delle rivelazioni del torneo: con Bonucci forma una coppia di centrali straordinaria per qualità ed affiatamento, che saprà mantenere a lungo la difesa del Bari tra le meno battute del torneo.

Ad ottobre, contro il Chievo, trova la sua prima rete in Serie A, poi, proprio mentre per lui si parlava già di Nazionale, a gennaio 2010, la brutta notizia: l’infortunio patito nella gara di Firenze, la distorsione al ginocchio sinistro che lo metterà fuori gioco per il resto del torneo. Per capire l’importanza acquisita da Ranocchia all’interno del gruppo di Ventura, emblematico pensare a quanto successo nell’incontro con l’Inter al ‘San Nicola’, allorché Barreto, dopo il rigore dell’1-0 dei biancorossi, prese la sua maglia e la alzò in cielo, dedicandogli il gol. Adesso l’infortunio è alle spalle, come ha giurato lui stesso. Il Genoa sorride, l’Inter pure, pensando al futuro.

Con Ranocchia l’Inter si è assicurata un difensore roccioso, dotato anche di buona tecnica individuale, anche se forse difetta un po’ nella velocità; in compenso, è abile negli sganciamenti ed è sempre un pericolo quando si tratta di andare in avanti sui calci piazzati. Ed è migliorato molto anche nella fase di marcatura. Insomma, un prospetto di sicuro valore, sul quale l’Inter e i suoi tifosi possono scommettere ad occhi chiusi. In attesa di vederlo a giugno prossimo con la maglia nerazzurra, cominciamo adesso a dargli il benvenuto all’Inter!

[Christian Liotta – Fonte: www.fcinternews.it]