Delio Rossi: “Affronteremo una formazione che in casa loro si fa rispettare”

Bologna a trazione anteriore? “Mi sembra una squadra equilibrata. Non è una squadra spensierata, in serie A ce ne sono, ma ce ne sono sempre di meno”

Maxi Lopez? “Vale lo stesso discorso degli altri. Nel senso che mi sembra stia meglio. Paga l’infortunio e se mi dimostra che sta meglio di un altro gioca”.

Sansone e Renan? “I giocatori lo sanno che io la formazione non la faccio ne sulle partite precedenti, ne sulla carriera, lo faccio solo sugli allenamenti. Se uno non lo convoco mai e poi se ritengo che questo giocatore possa giocare, gioca e basta. Bisogna sfatare la cosa che un allenatore ha i suoi pupilli se ne può parlare solo se devo uscire a cena o al cinema. Se una persona mi fa vincere una partita e mi sta antipatico, gioca comunque”.

Il prolungamento di contratto? “Sta storia la sento da due mesi. La Samp non è salva, si deve salvare. Avrei firmato da essere a 9 punti dalla zona salvezza. Nel calcio o si centra l’obiettivo o non si centra, non ci sono traguardi intermedi. Il contratto si rinnoverà quando ci sarà la salvezza matematica”.

La vittoria manca ormai da un mese e mezzo, comincia a preoccuparsi? “Noi abbiamo pagato, come squadra media, la sosta forzata di molti giorni e il fatto di avere giocatori in Nazionale”.

Che squadra si aspetta a Bologna? “Affronteremo una formazione che in casa loro si fa rispettare. Abbiamo bisogno tutt’e due di punti per raggiungere l’obiettivo. Non dobbiamo fare calcoli, sarebbe deleterio”.

Quanto è importante Krsticic per la Samp? “La Samp ha dei giocatori importanti non solo lui. Questa squadra quando ha fatto bene, ha fatto bene in toto e quando ha fatto male idem”.

Il botta e risposta fra Krsticic e Matuzalem? “Io ho detto quello che pensavo e l’ho detto dopo la partita. Per me il match è finito al 90′ e il botta e risposta non mi interessa. Io ho detto solo, e lo ripeto, che quel fallo ha fatto sì che la partita si incanalasse in quella data maniera”

Come sta Sansone? “Sansone sta bene, anche perchè uno che si chiama Sansone non può che stare bene (ride ndr)”.

Chi giocherà? “Sicuramente non cambieremo sistema di gioco. Mancano ancora due allenamenti, manca ancora qualcosa”.

A Bologna con tante defezioni? “L’ho detto in tempi non sospetti: la squadra si deve valutare nella sua interezza e capitano queste situazioni. Chi giocherà ci terrà a fare bene”.

[Andrea Piras – Fonte: www.sampdorianews.net]