Di Francesco: “Non dobbiamo gestire la partita, dobbiamo vincerla”

Di Francesco: "Non dobbiamo gestire la partita, dobbiamo vincerla"

Il tecnico giallorosso ha ben chiaro cosa serva alla sua squadra per ottenere una qualificazione ai quarti di finale, che ha definito fondamentale: continuità, spensieratezza e  voglia di aggredire l’avversario. Oltre all’aiuto del pubblico.

ROMA – Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara contro lo Shakhtar Donetsk, valida per il ritorno degli ottavi di Champions League, Eusebio Di Francesco, allenatore della Roma, ha analizzato la gara.

Il tecnico giallorosso ha sottolineato l’importanza della partita. La qualificazione è fondamentale sotto tanti aspetti. In primis per ambizioni e desiderio e  per ridare slancio a squadra e ambiente.  Il tecnico sarebbe contento se la squadra giocasse come a Napoli. Davanti ci sarà una una squadra forte e se si vorrà passare il turno non ci si potrà accontentare di fare bene soltanto un tempo. Alla Roma, infatti, secondo Di Francesco, spesso manca la continuità. Spera che questo non accada quanto è avvenuto nella gara di andata, quando sono stati commessi troppi errori, non solo individuali ma anche di reparto. “Domani questo non ce lo possiamo permettere“.

Pensa che i suoi ragazzi dovranno giocare con il desiderio di far male agli avversari perchè non serve gestire ma l’unica cosa che conta è vincere. “Serviranno spensieratezza e voglia di far male, perciò non possiamo essere attendisti”.  Sulla possibilità che si possa finire ai rigori Di Francesco ha detto che la squadra è  preparata a questa eventualità. “Nel calcio tutto può accadere, quindi ci siamo allenati”.

L’appello ai tifosi

L’allenatore spera nell’aiuto dei tifosi, non tanto per quanto riguarda la quantità bensì per ciò che concerne la qualità. “Serve gente che ci stia vicina nella difficoltà, che applauda anche al primo errore”