Euro Pallanuoto Uomini: Avvio col botto

233

Grande attestazione di superiorità del team azzurro di Pallanuoto che ritorna a respirare un’aria positiva dopo anni di amarezze imperdonabili. L’impressione è che finalmente l’Italia sia tornata conpetitiva, anche se sarà dura trovare subito il feeling abituale con le vittorie. Di certo battere la Spagna vice iridata è stata un’ottima partenza, un viatico per il prosieguo della manifestazione, dove potremo dire la nostra, tirando fuori la testa dall’acqua (mai metafora fu così opportuna) dopo un lasso di tempo in cui abbiamo annaspato di brutto.

L’auspicio di tornare ai vertici si allarga a tutti gli sport di squadra, dove ultimamente siamo stati in forte crisi, in certi casi persino imbarazzante: basti ricordare il patatrac delle ultime Olimpiadi. Tornando al successo maturato ieri sera ecco il commento del Ct Campagna:

“E’ un successo importante che trasforma le velleità in aspettative, infonde sicurezza e fiducia ed alimenta l’autostima. E’ solo la prima partita di un girone difficile. Tra circa 18 ore affronteremo i campioni d’Europa del Montenegro per un altro esame probante. Mi aspetto la stessa Italia, ma più costante in attacco. Con la Spagna abbiamo disputato un’ottima partita, giocando con attenzione e disciplina in difesa, ma, dopo un buon inizio, abbiamo incontrato difficoltà in fase realizzativa. Sicuramente la fatica, lo stress nervoso e la mancanza di un tiratore come Figlioli ci hanno condizionato. Abbiamo supplito a quei momenti con grinta, cuore e sacrificio. La vittoria è meritata. Dobbiamo continuare così, in crescendo”.

Italia-Spagna 7-6 tabellino

Italia: Tempesti, Luongo 1, Gitto, Bertoli, Felugo 2, Giacoppo, Gallo, Presciutti 2, Fiorentini, Aicardi 2, Deserti, Pastorino. All. Campagna.

Spagna: Inaki Aguilar, Mario Garcia, Martin, Sziranyi, Molina, Miguell 1, Gallego, Espanol 2, Valles 1, Perrone, Mallarach 1, Xavier Garcia 1, Lopez. All. Rafael Aguilar.

Arbitri: Margeta (Slo) e Juhasz (Ung).

Note: parziali 3-1, 0-1, 2-1, 2-3. Nessuno uscito per limite di falli. Superiorità numeriche: Italia 3/8, Spagna 5/12. Spettatori 1000 circa. Italia con 12 giocatori a referto perla squalifica di una giornata inflitta a Figlioli nella Vodafone Cup.

Articoli correlati