Genoa-Juventus, l’analisi tattica

Tre gol in 29 minuti e il Genoa affonda la capolista Juventus

genoa-juventus-3-1-fine-partitaGENOVA – Un risultato inaspettato alla vigilia, considerate anche le prestazioni grigie dei rossoblù nelle ultime partite. Ma il gioco di Juric é così: di pressione e ritmo alto, con i giocatori che mirano a recuperare palla il piu alto possibile e verticalizzare subito per cercare la porta.

Quindi il Genoa fatica quando incontra squadre “chiuse”, perche non dispone di giocatori bravi a saltare l’uomo e non riesce a creare superiorità numerica. Senza contare che dietro ha giocatori come Burdisso o Gentiletti che patiscono essere puntati in velocita nell’uno contro uno.

Riesce, invece, meglio quando affronta avversari che fanno gioco, anche perche la transizione tra fase difensiva e offensiva è molto rapida e coinvolge tanti giocatori. Ed é quanto é  successo ieri.

Contro la Juve il Genoa ha messo in campo un ritmo che i bianconeri, reduci dalla qualificazione in  Champions League, non sono stati in grado di reggere, né fisicamente né  psicologicamente.

Tra i rossoblù i migliori in campo sono stati Simeone, autore della sua prima doppietta nel campionato italiano, Izzo, come al solito un baluardo in difesa, e l’eclettico Rigoni. Difficile dare la sufficienza ai giocatori della Juventus, che é apparsa sbiadita “in toto”, la brutta copia della squadra cui siamo abituati.