Guidoli: “Partita vibrante, decisiva la fiammata di Di Natale”

Mister Guidolin ha festeggiato nel migliore dei modi l’arrivo del nuovo anno sbarazzandosi dell’Inter con un nett0 3-0: “La partita è stata vibrante, accesa e più dura di quanto dica il risultato finale. Il risultato è rotondo ma fino a 20 minuti dalla fine in risultato è stato in bilico. Ci sono molte caratteristiche simili tra la mia formazione e quella di Stramaccioni. Fino al primo gol, a dire il vero, è stata l’Inter ad avere più occasioni. La perla di Di Natale è stata la fiammata che ha deciso l’incontro, sono convinto che chi avrebbe colpito per primo si sarebbe aggiudicato l’intera posta in palio”.

La coppia d’oro Di Natale-Muriel verrà riproposta in tempi brevi?

“Dipende da Luis e dalla sua crescita. E’ un ragazzo del 91 che deve ancora dimostrare molto e, soprattutto, deve imparare a fare l’attaccante moderno e disciplinarsi tatticamente. Le potenzialità di Totò sono conosciute in tutto il mondo, quelle di Muriel le stiamo scoprendo adesso. Il colombiano sta migliorando la condizione fisica dopo 4 mesi di stop”.

Credeva di poter terminare il girone di andata con 27 punti?

“Questa non è una stagione facile per chiunque non lotti al vertice. Continua a predicare sempre allerta massima. Teniamo le orecchie dritte, ma 27 punti sono un bel bottino. Siamo più vicini al nostro obiettivo”.

Cosa c’è da aspettarsi adesso da questo inizio di 2013?

“Non si può certo dire che il cammino sia in discesa. Dopo l’Inter ci attendono Fiorentina e Juventus. Abbiamo superato solo il primo scoglio. Ai bianconeri di Torino non voglio nemmeno pensarci, mi concentro solo sui viola”.

L’abbiamo vista riprendere alcuni suoi giocatori anche sul 3-0 a una manciata di minuti dal triplice fischio…

“Abbiamo già subito troppi gol in questa stagione, se c’è la possibilità di tenere la porta inviolata non vedo perché non farlo. Le leggerezze non mi piacciono, nemmeno a gara decisa”.

[Sito Ufficiale Udinese Calcio – Fonte: www.udinese.it]