Guidolin: “Abbiamo rischiato di compromettere la gara”

“Sorridiamo e siamo felici perché abbiamo vinto, ma abbiamo rischiato di compromettere quanto di buono fatto nella prima mezz’ora”. Parola di Francesco Guidolin nell’analizzare la vittoria dei suoi ragazzi, alla ripresa, contro il Chievo Verona.

“Stavamo dando spettacolo e giocando un gran calcio – ha detto il tecnico di Castelfranco Veneto – e avremmo potuto farlo per un’altra ora abbondante, ma quell’ingenuità, alla fine, poteva costarci cara nonostante, nella prima frazione, avessimo costruito due altre clamorose palle gol per chiudere definitivamente la gara. La nostra fase difensiva, anche dopo il cambio di modulo, è stata ottima, è vero, ma cosa sarebbe successo se, magari, il Chievo fosse riuscito a segnare ad un quarto d’ora dalla fine? Io sono un allenatore esigente con me stesso in primis e anche con la squadra soprattutto perché so bene di avere a disposizione un gruppo valido e in grado di puntare a qualcosa di più di una semplice salvezza”.

Il discorso verte poi sul mercato e sull’esclusione, anche dalla panchina, di Floro Flores. “La mia società sa bene cosa deve fare – ha detto Guidolin – visto che l’esperienza e i risultati parlano per lei. Floro Flores? Ecco, forse lui è uno di quelli che negli ultimi giorni ha risentito maggiormente delle voci di mercato. In questa settimana l’ho visto frastornato e deluso, ma se la squadra in questo momento funziona meglio così non so cosa farci. Abbiamo giocato 4-5 volte con il 3-5-2 e le prestazioni sono state sempre ottimali. Oggi la sua esclusione è stata soltanto dettata da motivazioni tecniche perché vista la robustezza del Chievo in mezzo al campo ho preferito portare un centrocampista in più in panchina. Rapporto concluso? No, da parte mia assolutamente no. Anzi”.

La chiosa finale è per gli obiettivi di stagione. “In spogliatoio ne parliamo spesso – ha concluso il tecnico bianconero – perché conosciamo bene le nostre potenzialità. Ma quella soglia, fatidica, dei 40 punti va varcata. E il prima possibile. Poi potremo concentrarci su altri traguardi. L’ho detto e lo ribadisco: all’appello ci mancano 3-4 punti che abbiamo gettato al vento per colpa nostra e nel girone di ritorno, anzi già a partire dalla trasferta di Milano dovremo dare il meglio di noi per recuperarli e scalare quante più posizioni possibili”.

[Sito Ufficiale Udinese Calcio – Fonte: www.udinese.it]