Un bel Cagliari non basta Strasser gela il Sant’Elia

Il Cagliari ce la mette tutta, colpisce un palo, gioca bene ma sbaglia troppo. E contro il Milan, anche senza Ibrahimovic, non può permetterti di sbagliare troppo, perché alla fine paghi. Un gol di Strasser gela il Sant’Elia nel finale, quando il pareggio sembrava ormai cosa fatta.

Con Lazzari al posto di Biondini per battere il Milan. Donadoni ci prova e schiera una formazione offensiva come mai aveva fatto prima da quando è sulla panchina del Cagliari. Il Milan ha perso il conto delle assenze, ma ritrova Pato in attacco.

Il Milan fa la partita e va vicino al vantaggio con Robinho grazie a una disattenzaione della difesa del Cagliari. Astori salva sul brasiliano e poco dopo anticipa Pato di testa su un cross di Merkel. Il Cagliari traballa, poi si assesta e controlla il Milan. Così a provare paura, alla mezzora, è Abbiati, che osserva impotente e immobile stamparsi sul palo il pallone colpito di testa da Canini su calcio d’angolo di Cossu. Quel palo cambia la partita del Cagliari, che comincia a crederci e chiude il Milan nella sua metà campo. I rossoneri soffrono ma sfiorano il vantaggio con un gran tiro da lontano di Pato che esce di poco oltre l’incrocio dei pali. Il finale di tempo è tutto rossoblu. Con Agostini che costringe Abbiati a una respinta di pugno complicata e Nené che di testa non riesce a inquadrare la porta.

La partita di Lazzari dura un tempo e poco più. Il numero 10 del Cagliari è costretto a uscire al terzo della ripresa a causa di una distorsione alla caviglia patita nel finale del primo tempo. Al suo posto entra Biondini. Ci vuole ancora il miglior Agazzi per impedire a Pato di segnare il gol dell’1-0 per il Milan. Il portiere del Cagliari ferma la conclusione del brasiliano lanciato a rete da solo dopo lo scivolone di Canini. Ancora più clamoroso è l’errore di Nené che si ritrova sui piedi un assist insperato di Abbiati ma calcia addosso la portiere che devia in angolo. Sbaglia ancora il Milan con Robinho che si allunga clamorosamente il pallone e consente ad Agazzi una presa semplice, sbaglia ancora il Cagliari con Nené che non riesce a indirizzare in porta il cross di Agostini.

Il momento di Cassano arriva alla mezzora, quando l’ex della Samp entra al posto di Merkel, con Robinho che si sposta sulla trequarti. E dalla panchina arriva la svolta per Allegri: Cassano serve Strasser che partendo in fuorigioco fulmina Agazzi. Per il Milan è un vantaggio immeritato e forse, a questo punto, anche un po’ insperato. Il Cagliari perde una partita che avrebbe anche potuto vincere, una partita che sicuramente non avrebbe meritato di perdere. Domenica c’è il Parma, e non sarà semplice.

TABELLINO:

CAGLIARI-MILAN 0-1
(Primo tempo 0-0)

MARCATORE: Strasser al 40′ s.t.

CAGLIARI (4-3-1-2): Agazzi; Pisano, Canini, Astori, Agostini; Nainggolan, Conti, Lazzari (dal 3′ st Biondini); Cossu; Matri (dal 39′ st Acquafresca), Nenè. (Pelizzoli, Biasi, Ariaudo, Perico, Laner, Ragatzu). All.: Donadoni.

MILAN (4-2-3-1): Abbiati; Abate, Bonera, Thiago Silva, Antonini; Gattuso (dal 13′ st Strasser), Seedorf, Ambrosini; Merkel (dal 29′ st Cassano); Pato, Robinho. (Amelia, Oddo, Sokratis, Yepes, Beretta). All.: Allegri.

ARBITRO: Rizzoli di Bologna.

NOTE – Spettatori 23 mila circa. Ammoniti Pisano e Ambrosini per gioco scorretto. Angoli: 10-8 per il Milan. Recuperi: 2′ p.t. e 4′ s.t.

[Gabriele Lippi –