Il nuovo Bologna, ecco come sarà

118

Il mercato estivo 2011 è ormai prossimo alla chiusura e per il Bologna non vi saranno da registrare scossoni, ne in entrata ne in uscita. Partiranno nelle ultimissime ore solo i giocatori in esubero. Analizziamo quindi ogni reparto e diamo un voto.

Portieri: Agliardi, Gillet, Lombardi, Stojanovic. Voto: 6,5 – Una eredità senza dubbio pesante quella che si troverà ad affrontare Gillet, c’è da far dimenticare un certo Viviano che a Bologna si è consacrato e ha raggiunto la nazionale. Se per l’ex numero uno felsineo a farla da padrone erano i centimetri e la freddezza, per Gillet, 181 cm, la reattività è basilare. Il secondo sarà Agliardi, le ultime stagioni al Padova, mentre il terzo dovrebbe essere Stojanovic, talentino “rubato” alle grandi da Salvatore Bagni. Sul piede di partenza, Lombardi.

Difensori: Antonsson, Cherubin, Crespo, Garics, Loria, Morleo, Portanova, Raggi, Rickler, Vitale. Voto 6 – La difesa è forse il reparto che lascia qualche perplessità in più ma sarà come sempre il campo a dare un giudizio definitivo. Partenze importanti quelle di Britos e Rubin, e una grande opportunità quindi per Cherubin e Morleo che un anno fa si misero in luce tra i cadetti come tra i migliori difensori del campionato. Antonsson, fresco di convocazione in nazionale, al momento è sempre partito dalla panchina, siamo però sicuri che col tempo saprà ritagliarsi uno spazio importante in questa squadra. A dirigere il reparto difensivo sarà Portanova, al terzo anno con la maglia del Bologna e fresco di rinnovo triennale. Con lui il vecchio compagno di Siena, quel Loria che più volte ha vestito i panni del difensore goleador. Arrivato in comproprietà Rickler dal Chievo dopo un’annata difficile in serie B con il Piacenza. A contendersi una maglia da titolare di esterno destro, tre giocatori: Crespo, rivelazione del campionato di serie B nel Padova, Garics, alla ricerca di se stesso dopo un lungo infortunio, e Raggi, il quale all’occorrenza può giocare anche come centrale o esterno sinistro. Proprio in questo ruolo vi sono Morleo e Vitale, ma anche lo stesso Cherubin può ricoprire degnamente la fascia sinistra.

Centrocampisti: Casarini, Della Rocca, Krhin, Mudingayi, Perez, Pisanu, Pulzetti, Taider. Voto 6,5 – La linea mediana sarà la stessa dello scorso anno con Mudingayi, Perez e il confermatissimo Della Rocca (contratto prolungato fino al 2016) che nelle idee di Bisoli partiranno titolari. Arrivato Pulzetti che fino qualche anno fa era considerato un giocatore in rampa di lancio poi smarritosi nelle ultimissime stagioni, la lieta sorpresa del ritiro è stata Krhin, il quale finalmente ha potuto svolgere tutta la preparazione con i compagni. Note positive anche dal secondo talentino Saphir Taider, già aggregato a soli 19 anni alla prima squadra. C’è poi Casarini, giocatore duttile che all’occorrenza può essere schierato anche come esterno difensivo destro. Pisanu potrebbe invece partire in queste ore.

Attaccanti: Acquafresca, Coda, Di Vaio, Diamanti, Gavilan, Gimenez, Paponi, Pasi, Ramirez, Rodriguez, Vantaggiato. Voto 7,5 – Una cosa salta subito agli occhi: non sarà più un Bologna Di Vaio dipendente. Innesti importanti là davanti: Acquafresca e Diamanti su tutti, gol e classe per i due neo rossoblu. Confermato Ramirez dopo una estate turbolenta, Bisoli potrà contare su una batteria di attaccanti di tutto rispetto. Acquistato anche Vantaggiato dal Padova, per lui la grande occasione in serie A, mentre dal Genoa è giunto in comproprietà Rodriguez, uruguaiano inseguito da Carmine Longo un anno fa. Rimasto Paponi che può giocare come mezza punta, da decidere il futuro di Coda, Gavilan, Gimenez e Pasi in questi ultimissimi momenti di mercato.

In definitiva, appare a nostro avviso un Bologna migliorato rispetto la passata stagione e in grado di poter ambire ad una salvezza tranquilla: nessuno tra coloro che lottano per non retrocedere potrà contare su un centrocampo e un attacco di questo livello. Atto di forza della società il riuscire a resistere alla avances per i pezzi pregiati come Perez, Mudingayi, Della Rocca e Ramirez. Potrebbe essere una squadra in grado di regalare qualche sorpresa, almeno i tifosi rossoblu ci sperano.

[Redazione Zero Cinquantuno – Fonte: www.zerocinquantuno.it]

Articoli correlati