Incremento spettatori negli stadi: a Udine e Catania si va “contro tendenza” perchè?

CATANIA Sono aumentati gli spettatori negli stadi. Una barzelletta? Nonostante il dominio delle pay-TV, no. É una notizia basata sui fatti, sui numeri recentemente pubblicati dall’Osservatorio del calcio italiano. Alla 23^giornata, rispetto allo scorso campionato, si registra un incremento dell’1.3 per cento. Si passa dai 23.214 agli attuali 23.523 spettatori.

Incremento soffice, indicativo. Il primo segnale positivo dopo anni di flessione: -0,8 dal 2008-2009 al 2009-2010, -2,6 dal 2009-2010 al 2010-2011 fino al -6,7 dal 2010-2011 al 2011-2012. In totale -8.7 rispetto al dato del 2008/09. Ma non ovunque il grafico somiglia ad un sorrido, al sud, in particolar modo, il broncio continua a scender sempre più giù.

La Fiorentina, ad esempio, fa registrare l’incremento più marcato, +12,7, a seguire la Roma +9 per cento.. Bergamo, Bologna, Parma e Napoli sono in linea con i dati della passata stagione. Male il Genoa, -9.7, male Siena, -7.1, male Palermo, -10 per cento, Passivi sui quali non può che influire oltre alla crisi economica, anche la crisi sportiva di squadra ed in alcuni di questi casi, società.

Difficile da spiegare il -10.4 dell’Udinese come, soprattutto, il -11.9 di Catania. Il Massimino si svuota nonostante la squadra rossazzurra sia stata appena ieri definita la “rivelazione” della serie A, mantenga una posizione di classifica mai così lusinghiera, a ridosso del sogno europeo, e sia avviata ad infrangere ogni record di punti stabilito in passato.

Oltre al deficit di abbonati rispetto alla scorsa stagione, un altro dato su cui riflettere per la società etnea. Se la crisi economica, come la fatiscenza degli impianti economici sono un freno, ma lo sono per tutti, il rendimento positivo della squadra dovrebbe esser un traino, come è un fardello per le squadre di bassa classifica. Logica che non trova corrispondenza nei fatti, stante il divario tutto siciliano di quasi il +3% rispetto alla piazza palermitana.

Guardando la media spettatori aggiornata alla più recente gara di campionato, la dodicesima, il Massimino fa meglio solo di Chievo, Cagliari (8 gare in casa), Siena, Pescara e Parma (11 gare in casa).

C’è qualcosa che non va, e non solo crisi economica.

[Redazione Mondo Catania – Fonte: www.mondocatania.com]