Atalanta-Catania: numeri e curiosità

Al completo
Scontate le squalifiche di Alvarez e Castro, il Catania avrà l’intero organico a disposizione. L’ultima gara giocata a pieno organico è stata Catania-Lazio 4-0 del 4 Novembre 2012. Dodici turni fa.

Legrottaglie
Legrottaglie ha nell’Atalanta il suo bersaglio preferito e nel campo di Bergamo una sorta di talismano. Tre reti segnate tutti all’Atleti azzurri d’Italia. Di dodici sfide in campionato contro l’Atalanta ne ha vinte 9, pareggiate 2, persa 1 nel 2005 quando giocava con la maglia del Bologna.

Denis
Denis è tornato al goal dopo quattro turni di astinenza. Contro il Palermo sua la rete che ha deciso la partita. In questa stagione il periodo di astinenza più lungo è durato dalla 7^ all’11^ giornata. Appena una in più dell’attuale, infranto.

In casa
L’Atalanta non vince in casa dal Dicembre del 2012, successo per 2-1 a scapito del Parma. Una sola vittoria negli ultimi sei precedenti, completati da due sconfitte e tre pareggi. In totale, all’Atleti azzurri d’Italia, l’Atalanta ha raccolto 5 vittorie, 2 pareggi, 4 sconfitte.

Astinenza finita
L’Atalanta ha centrato a Palermo la prima vittoria dopo un’astinenza durato sei turni.

Solo due
Il Catania ha messo a segno appena due reti nei sei precedenti all’Atleti Azzurri d’Italia, con Legrottaglie e Morimoto, nel primo (2006) e nel’ultimo (2011) dal ritorno degli etnei in serie A.

Goal subiti
In casa l’Atalanta ha subito più reti di quante non ne abbia realizzate. Sono 12 quelle realizzate, 14 quelle subite.

Porta socchiusa
Solo in tre gare sule 11 totali, l’Atalanta ha chiuso senza segnare goal in casa. Qualvolta è occorsa tale situazione l’Atalanta ha sempre perso e perso con lo stesso risultato 0-1. L’altra sconfitta delle quattro totali è arrivata ad opera del Torino per 1-5, il passivo più ingente della stagione patito in rimonta.

Sconfitte
Tutt’e tre le sfide perse per 0-1 sono state decise da goal arrivati nella prima metà di gara. Solo quella contro il Torino, 1-5, è stata decisa da quattro reti alla ripresa. Ma la rete segnata nel primo tempo, anche dal Torino, rende valida la statistica che impone all’avversario di segnare almeno un goal nel primo tempo per sperare nella vittoria finale.

Tre rimonte
Sono tre le rimonte attive, interne, dell’Atalanta. In duei casi la partita è terminata in pareggio 1-1. Entrambi i pareggi della stagione interna dell’Atalanta sono maturati con tale punteggio e consecutivamente, contro Udinese e Cagliari. Nel terzo, successo interno sul Siena, tutto nella seconda metà di gioco.

Peggior attacco
Dopo Palermo e Pescara l’Atalanta ha il peggior attacco della serie A con 21 reti segnate. Il 62% di queste le ha messe a segno nella seconda fase delle partite. Sei su quattordici le reti interne messe a segno nei secondi tempi delle gare interne. In casa l’Atalanta segna di più nei primi 45′

Secondo tempo
Quando è riuscita a segnare nel secondo tempo, nelle gare interne l’Atalanta ha sempre portato punti alla propria classifica. Tale evenienza è occorsa quattro volte sulle sette occasioni in cui vi è riuscita.

Miglior attacco dopo il 45°
Dopo quello di Milan, Juventus e Napoli, il Catania è il miglior attacco del secondo tempo con 23 reti segnate, il 74% del totale.

Reti subite
Il Catania subisce il 57% delle reti nel secondo tempo, sono 17.

Primo tempo a rischio
L’Atalanta è una delle squadre ad aver subito il maggior numero di reti nel primo tempo, sono 16 e comunque inferiori alla metà del totale.

Minimo scarto
L’Atalanta non ha mai concluso una vittoria interna se non col minimo scarto. Solo un goal, a rischio pareggio fino all’ultimo momento.

Alla 24^
L’unica sfida giocata alla 24^ giornata tra Catania-Atalanta è andata in scena al Massimino, nel Febbraio 2010, ed è terminata sullo 0-0.

Febbraio
Nel mese di Febbraio Catania ed Atalanta si sono incontrate quattro volte: due vittorie nerazzure ed una rossazzurra all’Atleti Azzurri, un pareggio al Massimino.

Andujar
Andujar contro l’Atalanta, all’andata regalò la rete del vantaggio a Maxi Moralez. La sfida vide il Catania rispondere, rimontare e vincere grazie alle reti di Spolli e Barrientos. Accadde tutto nel secondo tempo.

Doppio turno
Il Catania gioca a Bergamo il doppio turno esterno. All’andata contro Napoli ed Atalanta raccolse quattro punti.

Tre turni
L’Atalanta non batte in casa il Catania da tre turni. L’ultimo successo interno risale al 1° Febbraio 2009, 1-0 deciso dalla rete di Guarente.

Pareggio
Gli ultimi due precedenti tra Catania ed Atalanta a Bergamo si sono conclusi in pareggio. Lo scorso anno il Catania andò vicinissimo alla vittoria, passando in vantaggio con Legrottaglie e dominando la sfida fino all’espulsione frettolosa comminata a Spolli al 44°. Nel secondo tempo la rete della “bestia nera” Tiribocchi.

L’ultima vittoria
L’ultimo successo del Catania in terra bergamasca risale al 5 Febbraio del 2006, quando nello stesso giorno della festa di Sant Agata, il Catania vinse in rimonta per 1-2 la sfida alla capolista del torneo di serie B. La stagione si concluse con la promozione dei rossazzurri in A insieme all’Atalanta (prima classificata).

Precedenti
Dal ritorno degli etnei in A, la sfida dell’Atleti azzurri d’Italia ha visto prevalere il segno X. Quattro i pareggi, una vittoria nerazzurra.

Totali
A Bergamo 4 vittorie del Catania, 6 pareggi, 15 successi atalantini. Sono 17 le reti siglate dai rossazzurri, 38 quelle a firma nerazzurra.

Due al massimo
Negli ultimi cinque incontri a Bergamo il Catania ha messo a segno appena due goal, mai più di uno a partita. Solo nel 1965 e nel 2006 il Catania riuscì nell’impresa di segnare due marcature.

Pochi goal
Sono appena 14 le reti messe a segno da Catania ed Atalanta nei loro ulitmi 11 incontri, ovvero tutti quelli giocati dal ritorno in A.

[Redazione Mondo Catania – Fonte: www.mondocatania.com]