Inter-Chievo, le chiavi tattiche: fisicità e corsa per cercare la vittoria

218

Dopo la vittoriosa trasferta di Champions a Lille, l’Inter si rituffa in clima campionato, dove ci sono 8 punti da recuperare dal duo in testa alla classifica. La sconfitta di Catania ha fatto riflettere tanto, soprattutto sulla tenuta psicologica della squadra, e il lavoro di Ranieri già in Francia s’è visto. Adesso bisogna battere il Chievo, e soprattutto sfatare un doppio tabù di questo inizio stagione: vincere a San Siro, ma soprattutto segnare a San Siro.

TANTA CORSA E FISICITÀ – Ranieri non ha ancora deciso l’undici titolare da mandare in campo, ma memori della vittoria dello scorso anno, sicuramente ci sono dei giocatori inamovibili. Maicon, tornato in campo dopo l’infortunio e che sta guadagnando pian piano la forma fisica. I suoi inserimenti sulla fascia destra possono mettere in difficoltà il Chievo e Jokic, che contro la Juve è riuscito a tenere testa a Krasic ma è andato in difficoltà quando si è trovato contro Pepe. Stesso discorso dal lato opposto del campo. Sardo è out, al suo posto dovrebbe giocare Frey, di certo non velocissimo. Nagatomo potrebbe, con la sua rapidità mettere in difficoltà il francese.

INSERIMENTI LETALI – Il Cambiasso ritrovato. Potremmo definire così le ultime prestazioni del centrocampista argentino, che soprattutto a Lille, così come successo già nella vittoriosa trasferta di Bologna, è riuscito a pressare alto e recuperare tanti palloni. Pressare sui centrocampisti del Chievo potrebbe essere la marcia in più, che hanno dimostrato di poter entrare in difficoltà se attaccati alti. Stankovic, Obi, Thiago Motta, Cambiasso, Zanetti, Muntari: adesso tocca a voi.

ATTACCO DI FORZA – “Pazzini è in forma, e sicuramente giocherà”. Parola di Claudio Ranieri nella conferenza stampa di ieri. Il Pazzo quindi avrà una maglia da titolare lì davanti. Il ballottaggio è allora tra Zarate e Milito. Una difesa chiusa come quella del Chievo Verona potrebbe essere scardinata da una magia di un giocatore come Zarate, ma anche Milito potrebbe in questa gara dire la sua in coppia con Pazzini. I due hanno già dimostrato di poter giocare, sono più che compatibili, anche tecnicamente. Per sfruttare bene i cross provenienti dalle fasce, ma anche per tentare di sfondare centralmente, la coppia Pazzo-Principe è sicuramente una garanzia.

ATTENZIONE A PELLISSIER – Cinque sono i gol realizzati da Sergio Pellissier contro l’Inter. Bisogna prestare attenzione soprattutto alla sua rapidità, e alla sua capacità di inserirsi in mezzo ai due difensori centrali, come spesso successo nei confronti precedenti tra le due squadre. In generale, il Chievo è una buonissima squadra, capace di far circolare bene il pallone e di raggiungere l’esterno con facilità.

[Riccardo Gaito – Fonte: www.fcinternews.it]