Juric copia Sousa: sfida nella sfida

348

GENOVA – Genoa-Fiorentina in programma domenica alle 15.00 al Ferraris di Genova, non presenta solo le suggestioni di una gara tra due compagini che hanno fatto la storia del nostro calcio, ma anche un motivo tecnico che si evince dalle ultime scelte degli allenatori.

Il tecnico genoano Juric pare intenzionato ad appropriarsi di una caratteristica che ha distinto il gioco di Sousa, ovvero dell’utilizzo sulla fascia dell’ala anche in chiave di copertura. Questo particolare utilizzo del tornante viene evidenziato tra i viola nel ruolo svolto da Bernardeschi, ed il tecnico croato pare intenzionato ad affidare lo stesso incarico a Lazovic.

La notizia è apparsa su diversi media e troverebbe conferma anche dalle impostazioni adottate negli ultimi allenamenti della squadra al Pio di Pegli.

Vanno lette in questa chiave dunque anche le frasi colte da Il Secolo XIX nel corso dell’allenamento di ieri terminato alle 20.20, durante il quale l’allenatore rossoblù ha dato indicazioni circa l’attendere gli avversari per “castigarli” [ndr: parole sue] nelle ripartenze.

Un’altro fattore sul quale Juric ha insistito è stata l’apertura del gioco sulle fasce: “Più larghi, più gioco, più aperti” è stata infatti la raccomandazione più insistente nel corso del pomeriggio.

In quest’ottica non è quindi difficile ipotizzare la formazione con la quale il Genoa dovrebbe iniziare la partita, e che dovrebbe consistere nel solito 3-4-3 ma interpretato in modo da far arretrare Lazovic fino alla linea dei difensori, che dovrebbero essere Izzo, Burdisso e Munoz.

A centrocampo, oltre al tornante, ci dovrebbero essere Rincon, Veloso e Edenilson a fare da ponte per servire il tridente offensivo formato da Ntcham, Pavoletti e Ocampos.

La viola dovrebbe rispondere con uno schieramento fotocopia nei due reparti più arretrati, salvo tenere un passo avanti a tutti Nikola Kalinic, connazionale del tecnico avversario.

Non mancano certo i motivi di interesse in una partita che sarà importante anche per misurare e determinare le ambizioni delle due formazioni in accezione al futuro prossimo nel campionato.