Juric nel pre-partita di Genoa-Palermo: “Una di quelle partite che mi esaltano”

346

GENOVA – Alla vigilia del match con il Palermo l’allenatore del Genoa Ivan Juric é intervenuto in conferenza stampa a Villa Rostan.

Il tecnico croato ha cominciato con una analisi tattica, dichiarandosi soddisfatto di come la squadra effettua le ripartenze. Una filosofia di gioco che inizialmente non era la sua e sulla quale sta lavorando soltanto poco più di un mese.

Ha ammesso che prima della gara contro la Juve aveva più di un timore,  poi sono arrivati i risultati e ha capito che il Genoa può fare bene, soprattutto quando affronta le grandi squadre.

Passando a parlare dell’incontro di domani, Juric ha detto che sarà  una di quelle partite che lo esaltano, proprio perché i primi a esaltarsi,  quando trovano spazi, sono i suoi giocatori e che tutto dipenderà dalla capacità di concretizzare.

Alla domanda se ha in mente un turnover l’allenatore rossoblù ha rivelato di non avere ancora deciso la formazione che scenderà in campo e che ogni dubbio sarà sciolto soltanto nelle prossime ore.

Il tecnico ritiene il Palermo una squadra solida, con buoni giocatori e  capace di fare prestazioni di livello, indipendentemente dall’ultimo posto in classifica.

Poi un’analisi dei singoli.

Di Simeone Juric ha detto che sta lavorando molto sotto l’aspetto della partecipazione alla manovra e ai movimenti in area di rigore e di essere contento  dei suoi progressi.

Riguardo a Rincon e Pavoletti si é  limitato a parlare dei loro infortuni, non volendo affrontare l’argomento “mercato”, tanto in voga in questi giorni.

E per finire due parole su Izzo, deferito nelle ultime ore al Tribunale della FIGC per illeciti sportivi. A Juric, sulla base di quello che ha letto, sembra che il difensore sia innocente; vede che  sta soffrendo la situazione e si augura che questo non vada a influire sulle sue prestazioni sportive.