Juve e Napoli destini incrociati ma non solo: a Torino sembra agosto…

Mazzarri. Tutto ruota intorno a lui. Anche i contatti fra Agnelli e De Laurentiis, che continua a parlare del suo punto di vista: “Ho licenziato soltanto una volta”. La situazione è delicata, bisogna usare diplomazia.

Perché De Laurentiis il contratto di Mazzarri ce l’ha in mano e l’ha ricordato anche ad Agnelli, che non vuole andare allo scontro con il Napoli. Insomma, sono giorni caldi, caldissimi. Anche perché la Juventus deve capire come impostare la sua campagna acquisti, che già ora con le prime indiscrezioni e interessamenti comincia ad avere una fisionomia ben precisa. E ancora con il capitano: Alessandro Del Piero entro 48 ore firmerà il rinnovo per un altro anno. Basterà incontrarsi con Agnelli per firmare e limare gli ultimi dettagli. Giornate intense per il presidente bianconero… Tanto quanto quelle di Marotta e Paratici visti giocatori sotto osservazione. Primo fra tutti Pirlo: il suo procuratore Tinti è stato a Vinovo.

Quattro chiacchiere, nulla più (segue anche Matri, Bonucci e ha accompagnato Manuel Montipo’ che invece ha parlato del contratto di Sorensen), ma la sua presenza non è passata inosservata. Con il Milan il rinnovo è lontano, si vagliano tutte le strade. La Juventus la prossima settimana andrà a Liverpool per trattare il riscatto di Aquilani, la pista alternativa più interessante è quella che porta a Riccardo Montolivo (oltre naturalmente a Michele Pazienza, parametro zero). Ma gli incontri della Juve non si fermano qui: contatto anche con Federico Pastorello. Sotto osservazione Lichtsteiner della Lazio e Zabaleta del Manchester City. Più il secondo che il primo. E vuoi che nelle telefonate non sia stato detta qualche parola su Giuseppe Rossi? Vero, promesso sposo al Barcellona, ma nel calcio (soprattutto nel calciomercato) mai dire mai…

E poi c’è Alex, del Chelsea, extracomunitario anche lui, ma che alla Juve piace tanto. Certo che l’opzione che i bianconeri hanno messo su Bastos del Lione pesa eccome, in questo caso. E anche il forte interesse per Carlitos Tevez, il grande obiettivo per l’attacco.

Il Napoli in attesa di definire il nodo allenatore, proprio con la Juve, ha riparlato – per la prima volta dopo Natale – con l’Udinese di Inler. Nuovo assalto dunque, ma se ne riparlerà a fine campionato. L’Udinese vuole concentrarsi sul finale di stagione per centrare la Champions. E così Bigon si è potuto concertare su Wilson Palacios, centrocampista del Tottenham e della nazionale honduregna. Anche lui extracomunitario quindi, ma con un costo e un ingaggio in linea Napoli…

Anche al Milan è tempo di incontri. Soprattutto ore pasti. Ieri, da Giannino, a pranzo Ariedo Braida, Giacomo Pedralito (intermediario) e Klaus Allofs, direttore sportivo del Werder Brema, che cerca un terzino sinistro (Didac Vilà) e che ha un giocatore molto forte con cui fare cassa (Marko Marin). E poi un certo Essien. Lui è stato a cena domenica con Maldini, lunedì a pranzo con Umberto Gandini, il ministro degli esteri rossonero. Difficile che si sia parlato di mercato, ma una bella boccata di Milan l’ha data. Ha chiesto una mano al suo amico Weah per organizzare un’amichevole per beneficenza. E Weah gli ha organizzato la due giorni. Essien ha un contratto con il Chelsea fino al 2015. Ma gli dovesse essere piaciuta Milano e la sua cucina, una preferenza l’avrebbe…

[Redazione Tutto Mercato Web – Fonte: www.tuttomercatoweb.com]