Montella: “Il Milan non è la Juve, ma la strada è quella giusta”

408

TORINO- Nell’immediato post partita di Juventus-Milan, Vincenzo Montella ha commentato l’eliminazione della squadra rossonera dalla Tim Cup.

La partita di stasera

Il tecnico ha esordito dicendo che in campo ci sono anche gli avversari. Una variabile che non va mai trascurata. A suo parere i bianconeri sono stati bravi a sfruttare le occasioni. Nel primo tempo il Milan era lento perché loro erano bravi a chiudere le linee di passaggio. Erano molto compatti. Poi una allusione all’incostanza dei suoi: “Se giocassimo tutte le partite, per tutti i 90 minuti, saremmo più forti”.

L’allenatore si è detto soddisfatto della prestazione del Milan. Le basi ci sono, si è solo all’inizio del percorso e si deve migliorare. La sua squadra non è al livello della Juve, ma la strada è quella giusta. Stasera non ha sbagliato l’approccio alla gara. Bisogna quindi capire dove si è sbagliato. Solo facendo così si può migliorare. Montella ritiene che, nonostante la sconfitta, la squadra ha acquisito mentalità. É stata una gara importante sotto questo aspetto.

I singoli

L’allenatore ha poi parlato dei singoli. Di Deulofeu ha detto che è molto veloce, non a caso ha creato un’occasione partendo da dietro. Dell’episodio che è costato a Locatelli l’espulsione ha dichiarato che dal campo sembrava fosse entrato sulla palla. In ogni caso l’esperienza del cartellino rosso servirà al giovane giocatore come esperienza. É stato solo un incidente di percorso.

Montella ha giustificato la prestazione altalenante di Bonaventura e Suso. Sono tra i calciatori che hanno giocato di più e riposato di meno. Gli alti e bassi ci stanno. E per finire un pensiero su Niang. “Il ragazzo è estremamente sensibile, ha provato a fare un percorso, ma non ha ottenuto risultati. È ancora giovane e deve migliorare. Un sostituto? È arrivato Deulofeu, poi vediamo cosa offrirà il mercato”, le parole del tecnico.