Krasic (Juve) salterà la sfida col Cesena

Il giocatore più in forma della Juventus non giocherà contro il cesena, tra due settimane. La simulazione in Bologna-Juve di Milos Krasic è stata infatti punita dal giudice sportivo con due giornate di squalifica. Come previsto il centrocampista serbo salterà quindi le partite di campionato contro Milan e Cesena.

Nel caso specifico, il procuratore ha accertato che la simulazione è stata ‘evidente’ e che il vantaggio tratto da questa violazione ossia il rigore (anche se non tradotto in rete) è conseguenza della condotta antisportiva del giocatore (art.35). Il giudice sportivo, nella motivazione ha sottolineato come “nell’esclusione di ogni ragionevole dubbio, i due calciatori non vennero in alcun modo a contatto e che l’arbitro fu indotto in errore da un abile tuffo in avanti effettuato dal calciatore bianconero (l’innaturale trascimento del piede sinistro ne evidenzia ulteriormente l’intento ingannevole”.

Già pronto il ricorso d’urgenza della Juve. I legali della società cercheranno di scagionare Krasic puntando sulla sua buona fede e della sua intenzione di voler saltare l’uomo in modo da proteggersi dall’intervento di Portanova. Intanto Andrea Agnelli difende il suo giocatore. Il serbo è stato, secondo Agnelli, vittima di violenza mediatica “Il rigore non c’era ma nemmeno l’esigenza di tale pressione mediatica”, ha dichiarato il presidente della Juventus.

Ricordiamo che per regolamento in caso il ricorso della Juventus avrà un esito positivo non ci sarà uno “sconto” ma l’annullamento totale della squalifica.

[Francesco Satanassi – Fonte: www.tuttocesena.it]