Lanzafame: “Montella decide pensando al bene del Catania”

222 0

MASCALUCIA (CT) Doppia seduta per il Catania che torna a lavorare in previsione della sfida di Sabato 15 contro l’Inter, in anticipo pomeridiano. A parlare dell’incontro coi nerazzurri, ma anche del post-Novara, sono due rossazzurri: Bergessio e Lanzafame, intervenuti quest’oggi in sala stampa.

Davide Lanfazame: il 3-5-2 visto a Novara l’abbiamo iniziato a provare il Venerdì, quando Spolli ha avuto problemi muscolari. Avevo voglia di giocare, ho fatto a tratti una buona partita, meritavamo di fare il secondo goal e portarci in doppio vantaggio. Il 3 5 2 potrà servici in futuro.

Io sto crescendo fisicamente. A Novara ho fatto 90 minuti, ho corso tanto sulla fascia. Quel che mi serve adesso è la continuità. Ho giocato in un ruolo più arretrato ma ho fatto una buona gara, tutti abbiamo fatto nel complesso una buona gara. In queste partite sta giocando chi è più in forma. Maxi ci sarà utile sempre. Montella sta gestendo bene le forze di tutti e noi dobbiamo stare alle decisioni del mister. Siamo 30 giocatori se stiamo a sindacare le decisioni del facciamo solo il male del Catania. Dobbiamo essere tutti bravi a farci trovare pronti quando veniamo chiamati in causa.

A livello di gioco Genoa e Novara sono state giocate bene, anche se abbiamo perso e pareggiato si è visto un ottimo Catania, capace di produrre un ottimo gioco.

Le prossime 5 gare sono un calendario non facile. Guardiamo partita per partita, se guardiamo la classifica ci mancano punti con Juventus e Novara. La partita contro l’Inter non mancherà di portare motivazioni. Dobbiamo fare punti. Dal punto di vista personale sogno una grande gara, magari con un goal.

Preoccupati per gli arbitri? No. Adesso ne parliamo perché ora l’Inter si lamenta. Speriamo che gli arbitri designati non condizionino la gara di Sabato. Loro verranno qui per vincere, dobbiamo dimostrarci bravi a rivolgere a nostro favore la loro necessità .

Devo essere più calmo, è in questo devo migliorare. Devo evitare certi comportamenti durante la partita. Un aggettivo per il Mister? Io penso che si comporti con tutti nella stessa maniera e questo fa solo che bene al gruppo. Ho girato tante squadre e non tutti lo fanno, deve fare le sue scelte ma è molto sereno non isterico. Ancora non sono riuscito a dimostrargli tutto quel che posso dare. L’importante è il gruppo no la singola persona io sono pronto a sacrificarmi per la causa. Con l’inter ho segnato quando militavo nelle giovanili, in finale di coppa Italia primavera. Ho sempre offerto ottime prestazioni contro i nerazzurri, anche se non li ho mai battuti: ma c’è sempre una prima volta.

[Giuseppe Puglisi – Fonte: www.mondocatania.com]