Lazio: dopo la vittoria contro il Lucerna, si lavora sulla resistenza…

AURONZO DI CADORE – Splende il sole finalmente sulle Dolomiti cadorine, i biancocelesti trovano circa 200 tifosi ad accogliergli al campo sportivo di Auronzo, dopo il buon test nell’amichevole di ieri pomeriggio contro il Lucerna. Una breve riunione tecnica con Edy Reja per fare il punto sulla preparazione, poi via in palestra per il riscaldamento. Una seduta mattutina di lavoro prettamente atletico, ma di gran fatica: i biancocelesti si sono dedicati alla corsa e agli allunghi sui 25 metri, con variazioni di velocità. Un lavoro mirato per trovare il ritmo di gara, migliorando allo stesso tempo la velocità, la resistenza e il tempo di recupero in partita dei ragazzi; Marchetti, Bizzarri e Berardi si sono invece allenati con il preparatore dei portieri Grigioni, concentradosi su esercizi di reattività e piazzamento. Circa un’ora e mezza di seduta, conclusa con lo stretching sui tappetini.

KOZAK ANCORA DIFFERENZIATO, RADU ASSENTE – Libor Kozak, arrivato ad Auronzo da appena tre giorni, continua il suo lavoro differenziato rispetto al resto del gruppo con Bianchini; dopo due settimane di riposo terminato l’Europeo di Under 21, il ceco ieri non ha preso parte all’amichevole contro gli elvetici ed è ancora un po’ indietro con la preparazione. Stamattina 29 i biancocelesti agli ordini di Reja e dei suoi preparatori: come ieri pomeriggio, assente anche oggi Stefan Radu che ha accusato un fastidio muscolare alla coscia prima del test contro il Lucerna. Hanno disertato l’allenamento però anche Mauri, Makinwa e Lulic, nonostante il centrocampista brianzolo ed il bosniaco siano scesi in campo ieri pomeriggio nell’amichevole, ma nessuna preoccupazione, solo un lieve affaticamento per loro. È un momento topico della preparazione, in cui il preparatore atletico Febbrai ha incrementato i carichi di lavoro (stamattina si è lavorato sulle variazioni di velocità sui 25 metri, per aumentare la capacità della resistenza). Un cambio di passo che può imporre una diversificazione delle sedute di allenamento, in relazione alle esigenze e alla condizione fisica individuale dei biancocelesti. Mauri e Lulic sono tra i più affaticati dal punto di vista muscolare; nulla di grave dunque, l’assenza sul campo stamane è stata solo una scelta precauzionale per evitare il rischio di stop, che comprometterebbe la seconda fase della preparazione estiva. I ritmi aumentano, il rischio di noie muscolari anche. Meglio evitare guai inutili.

“PER SEMPRE CON NOI” – Sugli spalti del campo sportivo di Auronzo, al termine dell’allenamento è apparso un grande striscione in ricordo di Gabriele Sandri: “Per sempre con noi”, recita lo stendardo. Gabbo rimane sempre nei cuori dei tifosi anche sotto le Tre Cime di Lavaredo.

[Giorgia Baldinacci – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]