Lazio: problemi anche in difesa: distorsione e stampelle per Diakitè, infiammazione al tallone per Radu

105

AURONZO DI CADORE – Stop per Diakitè. Il tredicesimo giorno di ritiro non ha portato fortuna al difensore parigino che, nel corso della seduta di questa mattina, è stato costretto a lasciare il campo in anticipo a causa di una torsione beffarda alla caviglia sinistra.

Una distorsione in piena regola che ha consigliato la fasciatura del piede e l’utilizzo delle stampelle: ovviamente non prenderà parte alle prossime due amichevoli in programma (oggi con il Vicenza e domani a Belluno), resterà ai box per i prossimi due – tre giorni, entro i quali non sono previsti esami strumentali. Solo nell’arco di 48 ore, lo staff medico biancoceleste potrà valutare la reale entità dello stop. Un guaio che si è andato ad aggiungere a quello di Stefan Radu. Il difensore rumeno ha osservato il secondo giorno di riposo forzato.

Inizialmente anche per il rumeno si era parlato di trauma discorsivo alla caviglia; in realtà la zona interessata è quella del tallone destro. Una fastidio provocato da brusche ricadute a terra dopo stacchi aerei: l’impatto diretto sul tallone da parte di un tacchetto di metallo dello scarpino ha fatto riemergere un’infiammazione di vecchia data che ha suggerito una rigida fasciatura. Una precauzione anti tallonite, che dovrebbe permettergli di tornare a lavorare con il resto della compagnia nei primi giorni della prossima settimana.

Con Diakitè e Radu fuori causa, restano comunque 5 i difensori a disposizione di Reja, che questo pomeriggio potrà disporre al centro della difesa di Andrè Dias. Contro il Vicenza, il brasiliano dovrebbe guidare dal primo minuto il terzetto difensivo, con Biava e Zauri ai lati. Nella ripresa ci sarà spazio anche per Stendardo e Cribari.

[Daniele Baldini – Fonte: www.lalaziosiamonoi.it]

Articoli correlati