Lazio-Vitesse, le dichiarazioni di Inzaghi alla vigilia della gara

934

Lazio già qualificata ai sedicesimi di Europa League affronterà il Vitesse, fanalino di coda del gruppo K. Chance per Crecco e Palombi

ROMA – La Lazio riceverà, allo stadio Olimpico di Roma, il Vitesse nella quinta giornata del girone K di Europa League, in un momento negativo, dal punto di vista del morale, a causa della sconfitta nel derby della settimana scorsa.

L’obiettivo è rialzare la testa, ripartire e vincere per dimenticare la sconfitta per mano della Roma. La qualificazione ai sedicesimi di finale è stata centrata, i punti in classifica nel gruppo K sono 12, e questo darà la possibilità al mister, Simone Inzaghi, di schierare le seconde linee dando riposo ai titolari.

Il mister dei biancocelesti ha dichiarato: “Abbiamo preso tutti atto della sconfitta, nessun alibi. C’è tantissima delusione, ma questa partita ci dovrà servire come crescita per le prossime partite. Dovremo reagire come dopo il ko con il Napoli. Lo so che per i nostri tifosi non è uguale perdere il derby, ma dobbiamo ripartire più forti di prima.”

Sull’Europa League ha detto: “In Europa League siamo stati bravi a mettere la qualificazione in cassaforte. Dovremo fare una buona partita, qualche giocatore che ha giocato meno avrà un’opportunità di mettersi in mostra. In Europa ho sempre cambiato, anche nelle partite precedenti. Abbiamo l’obbligo di fare una buona gara prima della Fiorentina“.

L’allenatore della Lazio ha poi parlato di Lukaku: “Lukaku è stato frenato da tanti problemi fisici, è tornato con uno stiramento dalla Nazionale. Parliamo di un giocatore di prospettiva. Sarà importante. Quello che posso chiedergli è di non avere più problemi e che si alleni sempre. Prima del derby è arrivato per ultimo come Milinkovic per gli impegni internazionali. Da qui alla fine, se la sua crescità sarà costante, giocherà di più. Ma l’ho sempre considerato un’arma importante”.

Quale formazione contro il Vitesse?

L’ex attaccante di Atalanta e Sampdoria ha dichiarato che Crecco e Palombi dobbiamo saranno della partita, queste le sue parole: “Domani vedremo Crecco e Palombi. Crecco, da gennaio, s’è fatto trovare pronto ogni volta che l’ho chiamato in causa, ha segnato col Palermo, l’ho voluto tenere perché è un ragazzo di grandissima disponibilità. Poi è successo il problema dei tanti infortuni con il Napoli, quindi è rimasto fuori per la sostituzione di Mauricio. Domani cercherà di darci una mano. Palombi ha giocato una partita normale con la Spal come tutti gli altri, poi ha avuto un brutto infortunio, ora si sta allenando nel migliore dei modi. Domani avrà un’altra chance“.