Le ultime da Verona …

Tre vittorie, tre sconfitte ed un pareggio per un totale di dieci punti. Questi sono i risultati ottenuti fino ad ora dal Chievo che ospita il Cesena senza poter schierare tutti e undici i titolari. Alcuni problemi in difesa e, soprattutto, a centrocampo costringeranno Pioli a schierare una formazione rimaneggiata. Una emozione particolare per l’ex Cesena, Davide Moscardelli che oggi indossa la maglia del Chievo. Anche il secondo portiere Squizzi ha trascorsi bianconeri ma non sarà in campo domenica.

Probable Formazione

Chievo (4-3-1-2): Sorrentino; Frey N., Andreolli, Cesar, Mantovani; Fernandes, Marcolini, Constant; Bogliacino; Moscardelli, Pellissier.

A disposizione: Squizzi, Mandelli, Jokic, Guana, Bentivoglio, Granoche, Thereau

Infortunati: Sardo, Luciano, Rigoni, De Paula

Squalificati: nessuno

I Dubbi – La difesa titolare non potrà essere schierata al completo in quanto Sardo continua ad essere fermo a causa di un problema muscolare quindi ai lati della coppia Andreolli-Cesar si posizioneranno Mantovani a sinistra e Frey a destra. Anche il centrocampo dovrà subire delle modifiche poichè sono ancora out Luciano e Rigoni quindi Marcolini, Fernandes e Constant dovranno reggere le sorti della linea mediana. Davanti a loro confermato Bogliacino nel ruolo di trequartista a sostegno di Moscardelli e Pellissier. Non è da escludere l’impiego di Thereau in attacco aa posto di uno dei due nomi da noi indicati.

Dichiarazioni pre partita – Moscardelli: “Alla gente di Cesena che non mi ha mai rinfacciato di esser stato un giocatore del Rimini porterò sempre rispetto. Se non siamo retrocessi l’anno scorso, a Piacenza, è proprio per merito di Ficcadenti, quando prese il posto di Castori, che comunque stimo e rispetto, mi disse ‘Mosca tu qui sei l’uomo più importante, devi diventare leader e capitano della squadra’. Quelle parole mi diedero ulteriori stimoli. Ficcadenti è un allenatore tranquillo ma molto deciso e nello spogliatoio sa farsi valere. Parla poco e lavora tanto, mi piace molto. Il Chievo? L’impatto è stato straordinario, ho segnato col Catania e col Genoa poi col Milan ho veramente capito di essere anche io un giocatore da serie A. Il Cesena? mi aspetto una squadra veloce e forte nelle ripartenze, con Bogdani che è bravissimo a tenere palla. Purtroppo noi in casa facciamo fatica e finora abbiamo segnato solo nella prima partita. Per questo dobbiamo tornare subito alla vittoria”.

Squizzi: “Mi fa sempre uno strano effetto incontrare il Cesena, ho un gran bel ricordo di quell’esperienza. A Cesena ho trovato un ambiente ideale per fare calcio e una tifoseria numerosa e calda come piacciono a me. Quest’anno in A è partita bene, otto punti in sette gare per una matricola è un buon bottino. Domenica mi aspetto una gara brutta, vincerà chi sbaglierà di meno”

[Cesare Rubboli – Fonte: www.tuttocesena.it]