Lega Pro: il punto della situazione dopo l’undicesima giornata

434

Il punto della situazione nei tre gironi di Lega Pro dopo l’undicesima giornata che ha messo di fronte Lecce e Foggia

La Lega Pro ha regalato spettacolo ed emozioni anche in questo weekend. Nel girone A l’Alessandria non accenna a fermarsi e, nel girone B, ancora si fa largo un leader. Nell’ultimo raggruppamento in testa c’è la Juve Stabia dopo il pari tra Lecce e Foggia. Di seguito il racconto di questa undicesima giornata.

GIRONE A

L’Alessandria non si ferma più: 10 vittoria in campionato per i Grigi che, tra le mura amiche, demoliscono la Robur Siena 5-2 e mantengono cinque punti di vantaggio dalla Cremonese vittoriosa sulla Pistoiese per 2-1. Al terzo posto sale prepotentemente l’Arezzo che batte 3-1 il Renate e scavalca la Viterbese fermata dal Livorno in casa (1-1). A quota 19 punti il Piacenza perde sul campo della Carrarese (1-0) e viene agganciato dal Como che riesce a rimontare due reti all’Olbia (2-2). In zona play-off vittoria importante per la Giana Erminio che si sbarazza senza troppi problemi della Racing Roma (3-0) mentre la Lucchese non va oltre lo 0-0 contro il Pro Piacenza e viene agganciata dalla Carrarese. Nei bassi fondi della classifica vittoria all’ultimo secondo della Lupa Roma sul campo del Prato (1-2). Pontedera-Tuttocuoio 1-2.

GIRONE B

Il Girone B, dopo undici giornate, si sta rivelando il più spettacolare ed incerto: nove squadre nel girone di tre punti e tante squadre che possono dire la loro per quanto riguarda la corsa ai play-off e al primo posto. In testa ci sono a quota 22 Bassano e Venezia che, impegnate nel big match di questa giornata, non sono andati oltre il pari (1-1). Di questo risultato hanno approfittato un po’ tutti perchè ad un solo punto ci sono la Reggiana (2-3 al Mantova), Parma (0-1 al Fano) e la Sambenedettese (1-0 sulla Feralpi Salò). Buon momento anche per il Padova che mette in cascina la terza vittoria consecutiva (1-0 al Modena) e sale a quota 19 agganciando il Gubbio sconfitto in maniera roboante dal Teramo tra le mura amiche (1-5). Non approfitta di questa situazione il Pordenone che non va oltre lo 0-0 casalingo contro l’Ancona, anche il Santarcangelo impatta 1-1 a Forli. Albinoleffe-Sudtirol finisce 2-0 mentre è stata rimandata, causa terremoto, Maceratese-Lumezzane.

GIRONE C

Dopo il big match di ieri sera tra Lecce e Foggia, finito a reti bianche, la classifica del Girone C cambia padrone. Infatti, in testa c’è ora la Juve Stabia che batte 2-0 il Cosenza e si porta a 25 punti, uno in più del Matera vittorioso 3-1 sull’Akragas e di Lecce e Foggia. Al terzo posto ci sono coabitazione Lecce e Foggia. Tra le prime quattro e il resto del gruppo si è creata una leggera spaccatura: al quinto posto c’è il Cosenza a 19 punti mentre Monopoli e Fondi non riescono ad approfittare della sconfitta dei Calabresi a causa dei pareggi con Catanzaro (2-2) e Casertana (1-1). L’unica che riesce a vincere in zona play-off è la Virtus Francavilla che espugna il campo del Melfi 2-1 e si porta a quota 14 punti. Finisce 1-1 Siracusa-Andria mentre continua ad avvicinarsi il Catania, vittorioso 2-1 in casa con la Paganese. Vittoria preziosissima della Vibonese nel derby con la Reggina (1-0) mentre termina 1-1 Taranto-Messina.