Livorno-Vicenza 1-1: buona reazione nella ripresa, Dionisi agguanta il pari per il amaranto

271

Livorno – Sotto di un ad inizio ripresa, con una reazione superlativa, il Livorno è riuscito a conquistare il pareggio con un gran gol di Dionisi ed a sfiorare poi la vittoria contro il Vicenza, oggi, nel gelo dell’Ardenza. Ma andiamo con ordine. Nel prino tempo, partita interessante nei primi venti minuti, poi i ritmi sono calati e le emozioni anche. Nel frattempo gli amaranto si sono resi pericolosi con Siligardi, ma gli ospiti hanno risposto con una traversa di Tonucci. Poi il Livorno si è fatto avanti con Dionisi e Siligardi, quindi nulla di eclatante fino quasi allo scadere quando è stato il Vicenza a rendersi pericoloso con Botta. Nel secondo tempo è salito inizialmente in cattedra in cattedra la squadra biancorossa. Pinardi ha trovato il vantaggio con una conclusione dal limite e poi ha sfiorato il raddoppio sparando a lato dalla destra. La reazione del Livorno inizialmente è stata confusa, guidata dagli spunti di Siligardi e dalla vis agonistica di Dionisi. Ma poi proprio quest’ultimo, in diagonale, ha pescato la perla che ha valso il pareggio. Nel finale il Livorno ha cercato di vincere. Dionisi e Salviato hanno impegnato a più riprese Frison. Il Vicenza ha chiuso in dieci la gara a causa dell’espulsione di Augustyn per doppia ammonizione.

TABELLINO:

Livorno (4-4-2): Bardi; Salviato, Bernardini, Lambrughi, Meola; Siligardi (37′ st Schiattarella), Luci, Belingheri (21′ st Bernacci), Bigazzi (21′ st Morosini); Dionisi, Paulinho. A disp.: Mazzoni, Torri, Rampi, Filkor. All. Madonna.

Vicenza (4-4-2): Frison; Tonucci, Augustyn, Martinelli, Giani; Rigoni, Paro, Botta (42′ st Soligo), Pinardi; Abbruscato (46′ st Bastrini), Maiorino (32′ st Paolucci). A disp.: Acerbis, Pisano, Possebon, Zanchi. All.: Cagni.

Arbitro: Di Paolo di Avezzano.

Note: espulso Augustyn al 44′ st.

[Marco Ceccarini – Fonte: www.amaranta.it]

Articoli correlati