L’opera di compattezza targata Leo: dopo i primi segnali, la tappa clou

Una ventata d’aria fresca, chiamata Leonardo. L’allenatore brasiliano, annunciato il 24 dicembre, sarà presentato domani alla Pinetina intorno alle ore 12.30, ma ha mandato i suoi segnali già in queste prime ore da tecnico dell’Inter, recandosi proprio ad Appiano sia ieri che oggi per due visite tutt’altro che ‘di rito’, ma finalizzate la prima alla conoscenza delle strutture che fornisce il centro sportivo Angelo Moratti, mentre la visita di oggi è stata concentrata su un’opera di compattezza dello staff tecnico e medico che seguirà Leo nella sua avventura al club campione di tutto. Segnali, questi, molto belli e importanti, di fiducia assoluta al mondo Inter arrivati da Leonardo, e di una volontà forte di ripartire subito senza pensare ai fiumi di parole che si spenderanno sul tradimento al Milan, voci dalle quali andrà immediatamente isolata la squadra. Proprio per questo, la conferenza stampa di presentazione che terrà domani il brasiliano sarà fondamentale per far capire al gruppo che tutto quello che si dice fuori non conta, ma in questo momento c’è soltanto da far ripartire un’Inter che non può perdersi in chiacchiere.

Sarà inevitabile qualche frase sul Milan, ma Leonardo dovrà dosare al meglio le proprie parole per far capire che adesso in primo piano, quando si parla di lui, dovrà esserci solo e soltanto l’Inter. La sua opera è iniziatata con le visite allo staff, proseguirà domani quindi con la conferenza stampa ma anche con quell’allenamento a porte aperte che è il messaggio finale ai tifosi, dopo quello che arriverà ai media ed ai giocatori dalla presentazione e allo staff con le parole di oggi. Far lavorare subito i ragazzi davanti agli occhi della gente interista è un messaggio chiaro, cioé nessuna etichetta di ‘Leonardo uomo Milan arrivato all’Inter’, ma un nuovo allenatore, con uno stile che raramente si può reperire in giro, pronto a ricominciare ed a lavorare con il solo fine di fare il bene del club in questo momento in vetta al Mondo. La cura di Leo è appena iniziata, ma domani c’è una tappa fondamentale: un passo alla volta, fino ad arrivare al campo. L’era Leonardo ha già preso vita.

[Fabrizio Romano – Fonte: www.fcinternews.it]