Lopez: “Ora al 100%. Mio obiettivo 22 Goal”

220

MASSANNUNZIATA – Giovedì, tempo di conferenza, voce ai protagonisti. Parlano Lopez e Terlizzi.

MAXI LOPEZ – Al via una nuova stagione: quali gli stimoli? “Abbiamo fatto un ritiro importante, pesante, ma buono. Ho una grande voglia di iniziare”.

Quale il tuo obiettivo per questa stagione? “I difensori mi conoscono, in Italia i difensori sono più forti e attenti. Devo migliorare, vorrei fare lo stesso numero di goal del ritorno anche all’andata, per un totale di ventidue reti.”

Novità Giampaolo: quali differenze con questo modulo? “Con questo modulo ho un attaccante più vicino. Dobbiamo capire ancora qualche meccanismo, ma questo lo faremo con le gare. Qualunque sia il modulo, la cosa mi interessa relativamente: penso sempre a dare il massimo”

Il calendario sembra essere agevole nelle prime giornate… “Il sorteggio è stato buono. Se andiamo al 100% possiamo fare un ottimo inizio di stagione. Vogliamo puntare in alto. Il mio pensiero è che il Catania può andare anche in Europa ma per questo serve molta continuità”

Capitolo mercato: si è puntato sulla continuità e la conferma di Lopez ne è la dimostrazione “E’ importante che sia rimasta la base di questa squadra. Sono fondamentali le 5-6 partite iniziali. Adesso che ho fatto un buon ritiro e sto bene posso trovare un buon equilibrio e posso dare più dello scorso anno. Spero di arrivare al top. Voglio fare il record dei goal del Catania in serie A”

Gimpaolo è molto energico, un po’ l’opposto di molti allenatori “Giampaolo ha il suo stile. E’ vero, ci sono tanti allenatori che magari sono calmi in campo ma poi rimproverano negli spogliatoi. Lui parla spesso, ci consiglia sempre. E’ un modo diverso, non si può dire se giusto o sbagliato”.

Un po’ di rimpianto per essere rimasto a Catania? “Non penso al futuro. E’ vero, voglio giocare in un grande club in A. Ma sto bene, la mia famiglia si trova bene, e io pure”.

Cosa ci dici in prospettiva Chievo? “Abbiamo lavorato di più su di noi, non ci siamo concentrati sugli altri anche se conosciamo come giocano i nostri avversari. Da domani vedremo sicuramente qualche video ma fino ad oggi ne abbiamo parlato poco perché è giusto prima pensare a se stessi.

CRISTIAN TERLIZZI – Cristian, carichi per la nuova stagione? “Dopo due mesi è ora di iniziare. Ci siamo preparati bene, cerchiamo di sfruttare l’avvio che l’anno scorso è stato il nostro punto debole”

Pronto sì, ma dato sempre con i bagagli in mano… “Voglio restare qui e ho un anno di contratto. Sto bene, sento la fiducia di mister e società. Più volte sono stato dato in partenza ma perché cambiare quando le cose sono di tuo gradimento?”

Le tue impressioni su Giampaolo “Il rapporto con Giampaolo è buono, un po’ come con tutti. Sono una persona schietta, e così mi devono accettare. A volte la sincerità è stata ciò che mi ha creato problemi. Ma sono fatto così. Abbiamo cambiato modo di lavorare, somiglia a Del Neri. Lavora sulla zona, non sull’uomo. Questo significa che bisogna avere più tempo per capire i meccanismi. Lavoriamo sul pallone”

Un Catania ormai gruppo, simile a quello della scorsa stagione “Il Catania è quello dell’anno scorso, e questo è un bene. Ci conosciamo, sia come persone che a livello tecnico. Un gruppo unito e che sta insieme da tre anni può fare solo bene”

Un calendario agevole “Il calendario non mi importa, potevano anche avere il Milan alla prima, la cosa è indifferente”

Parliamo della gara col Chievo “Il Catania deve fare una partita su se stesso. Il Chievo è una buona squadra. Loro hanno Pellissier, noi abbiamo Maxi, Peppe e Antenucci. 4-3-1-2 o 4-4-2 cambia poco per noi difensori. Abbiamo meno supporto dagli esterni ma facciamo di più in fase offensiva”

La tua “rivalità” con Spolli? “La competizione sana fa bene. Fa parte del calcio, la paura non deve esistere. Basta essere amici fuori per accettare le decisioni del mister”

[Fabio Alibrio – Fonte: www.mondocatania.com]

Articoli correlati