Luis Enrique: “La squadra è pronta”

210 0

Il tecnico della Roma, Luis Enrique, in conferenza stampa:

Tassotti ha rilasciato un’intervista oggi e ha detto che già dopo due minuti dal fatto, si era già pentito della gomitata. Domani lo vedrà, accetterebbe le scuse?
“E’ successo 17 anni fa, non ho nessun problema con lui, ciò che accade sul campo finisce lì. Io non leggo giornali, dell’intervista me l’ha detto Baldini. Nessun problema, gli darò la mano come farò con Allegri”.

A lei è piaciuta la squadra a Genoa, ma si concretizza poco. Che ne pensa delle gara col Milan?
“Loro puntano allo scudetto perché lo hanno vinto lo scorso anno, sarà una prova grande per noi. Mancano ancora tante cose, come la finalizzazione, la concentrazione in alcuni momenti, ma un allenatore non deve pensare che sia tutto fatto. Vediamo come arriviamo dopo tre gare in una settimana. Noi arriviamo bene e faremo la partita”.

Lei a Genova ha detto di aver visto la migliore squadra, è mancato solo il gol?
“Anche un po’ di cattiveria e concentrazione, ma il possesso palla e la superiorità sono stati importanti e credo che sia la migliore gara da quando sono qui. Tutto il mondo pensa solo al risultato, ma io vedo altre situazioni. Il risultato nasconde altri errori, è un peccato incassare due gol per la concentrazione. Il secondo gol poi è uno scherzo”.

Come sta Pjanic? Baldini ha risposto a Montella. Si sente un previlegiato?
“Rispondo solo ad una domanda. Scegli la seconda? Mi sento benissimo: rispettato da società e squadra. Sono previlegiato: faccio ciò che amo e sono l’allenatore della Roma. Non sono preoccupato di nulla sul mio futuro, non succederà nulla. Se io non ci sarò più, ci sarà un ottimo allenatore e io sarò felice”.

Pjanic?
“Ieri ha fatto lavoro a parte e oggi era in gruppo. Può giocare”.

La Roma è indietro sulle realizzazioni: prende gol e segna poco. Correggerà questa cosa?
“Ci stiamo lavorando da quando sono qui, dobbiamo controllare tutte le due aree e dobbiamo essere cattivi. Putroppo perdiamo quando abbiamo grande possesso pallaperché crediamo sia importante per fare gol”.

Lei propone un gioco spregiudicato. Lo farà anche con il Milan?
“E’ il nostro obiettivo, dobbiamo prendere la palla e proporci. Contro il Milan e contro ogni altra squadra”.

[Redazione Voce Giallorossa – Fonte: www.vocegiallorossa.it]