Maran e Mihajlovic, bilancio in parità

I precedenti tra i due tecnici sono in perfetto equilibrioMaran e Mihajlovic, bilancio in parità

VERONA – Domani, sabato 26 novembre, alle ore 18.00, allo Stadio Olimpico Grande Torino del capoluogo piemontese, Torino-Chievo aprirà il programma della 14a giornata di campionato di Serie A. Queste due formazioni hanno tratto un’identità di gioco proprio grazie alla mentalità dei loro rispettivi allenatori.

I due tecnici si sono affrontati solo in 3 occasioni generando una situazione di perfetta parità, con una vittoria a testa ed un pareggio, 2 reti fatte e 2 subite.

Il Torino cercherà ovviamente di sfruttare al meglio il turno casalingo, ma il Chievo non starà a guardare, almeno stando a quanto ha dichiarato Rolando Maran ai microfoni di Sky Sport: “Giochiamo contro una squadra difficile da affrontare. Il Toro sta bene. Dovremo mettere tutte le nostre capacità in campo per fare bene, bisogna fare dei sacrifici per provare a vincere. Ma siamo certi di fare bene grazie alle nostre capacità”.

Avremo con ogni probabilità un Chievo non certo passivo, ma comunque predisposto almeno a tentare di portare a Verona l’intera posta in palio.

Un denominatore comune che unisce le due società è l’esterno sinistro Vittorio Parigini, il cui cartellino è di proprietà del Torino, ma che milita ora nel Chievo.

Il giocatore ha rilasciato una dichiarazione decisa raccolta da Tuttosport: “A gennaio me ne vado, lascio il Chievo. Il mio agente ne ha già parlato con il Torino, che è proprietario del mio cartellino. Fosse per me tornerei subito ma con i grandi attaccanti che ci sono forse non avrei spazio. Per Maran io sono il sesto attaccante: non gli interesso a priori. È stato un errore venire qui. Per gennaio cerco una squadra e un allenatore che credano in me”. Il giocatore ha infine dichiarato che sarebbe stato meglio per lui andare al Palermo, al Crotone, al Pescara o al Sassuolo.